Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

lunedì 11 ottobre 2010

POWERWORLD - Human Parasite


I Powerworld vengono dalla Germania e sono nati nel 2005, ma nella propria formazione, vantano la presenza di musicisti esperti nel campo del metal, ovvero il cantante Andrew "Mac" McDermott (Threshold), il chitarrista Barish Kepic (Jaded Heart), il tastierista Nils Neumann (Gamma Ray/Freedom Call) e soprattutto il bassista Ilker Ersin (Freedom Call). All'attivo vantano la pubblicazione di due dischi in studio, ovvero l'omonimo esordio datato 2008 e questo nuovissimo "Human Parasite" edito per l'etichetta teutonica SPV. Musicalmente come facilmente intuibile, suonano un power metal di chiaro stampo Freedom Call, dove sono maggiormente marcate le tinte "fantasy" e dove la componente melodica recita un ruolo più determinante che fondamentale. Ne viene fuori non la semplice band che scopiazza i Gamma Ray oppure gli Helloween, ma una band di power metal che gode di una propria identità precisa e di una personalità molto forte e questo si sente in modo marcato in tutti i brani che compongono questo pregevole "Human Parasite". I Powerworld prima che essere una band di power metal, sono degli artisti e dei musicisti e per questo nutrono un gusto straordinario per la musica e questo ne ha fatto giovare alla stessa band in fase di composizione. "Human Parasite" è quindi un disco molto ispirato ed intenso, che non ha mai un solo momento di pausa. E' un album che scorre in modo fluido e dinamico che si lascia apprezzare per la grande qualità delle canzoni e per i notevoli momenti tecnici che la corredano. Siamo quindi di fronte ad una band che non è simile ad un altra e questo è un elemento di grande favore per i Powerworld, che confermano di abbinare con grande equilibrio e ponderatezza la potenza alla melodia. Anche la produzione è molto buona e questo consente ad "Human Parasite" di godere di un suono tagliente, ma anche molto pulito e moderno. Disco pregevole, consigliato a tutti gli amanti del settore.

Voto: 8,5/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento