Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

venerdì 16 settembre 2011

ANTHRAX - Warship Music


Vado subito al sodo senza fare troppi e tortuosi giri di parole e vi dico subito che a mio modesto parere questo è senza alcun dubbio il classico disco che ogni potenziale fan degli Antrash deve e può nel complesso attendersi. I vari ingredienti che hanno sempre contraddistinto e composto la musica e gli albu della band proveniente dalla "Grande Mela" ci sono tutti e direi che sono stati anche amplificati. C'è grinta, carisma, rabbia, una congrua dose di violenza, ma soprattutto, "Warship Music" da immediatamente la sensazione di essere un disco spontaneo, non studiato a tavolino. In questo disco si può toccare la passione con mano, la voglia di fare della buona musica ed anche la voglia di fare male e trascinare senza alcuna sosta ogni potenziale ascoltatore. Ho sempre amato ed apprezzato i grandi classici che hanno contraddistinto la carriera di questa band e posso dirvi senza dubbio alcuno, che "Warship Music" è un album maturo, ma anche nettamente evouto rispetto al passato, per questo ritengo che mantenga egregiaente il passo con quelli che sono li lavori migliori targati Anthax ed ha certamente qualcosa in più anche rispetto ai dischi più recente. In questo, è da elogio la scelta della band di donare ad alcuni brani una ponderata dose di melodia, capace di renderli più ricchi, ma mai commerciali. La prova di Joey Belladonna è d'applausi, forsa ha perso un po' di smalto rispetto ai giorni migliori, ma è sempre impeccabile e professionale. Ottima la sezione ritmica, ma ciò che stupisce maggiormente, è la chitarra di Scott Ian, meno grezza e meno sporca, sempre rude ed aggressiva, ma all'occorrenza molto tecnica e più incisiva, anche questo direi che è un punto in più in favore degli Antrax. Io francamente, ho molto apprezzato questo disco, perché ci conferma che il vero thrash è vivo e vegeto e le band che hanno fatto la storia del genere sono ancora capaci di comporre grandi dischi. Sia chiaro, non attendetevi un album fotocopia rispetto ad un classico del gruppo, lo ribadisco nuovamente, ma certamente "Warship Music" vi stupirà in positivo. I brani? sono tutti belli, potrei segnalarvi "I'm Alive", pezzo dall'intro profonto ed oscuro, che poi si scatena in una forza spiazzante, "In The End", "The Giant", "Earth On Hell", io adoro ad esempio "Judas Priest", ma il tutto è soggettivo. Ottima la produzione attuale e curata al punto giusto. Gran bel disco, fatelo vostro. Grazie Anthrax, stupiteci ancora!!!

Voto: 8,5/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento