Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

lunedì 19 settembre 2011

SINNER - One Bullet Left


Classico appuntamento con la storia per chi ama il vero metallo teutonico di spessore e dal sapore tradizionale. Il bravo Matt tra una pausa e l'altra con i Primal Fear, ormai band i punta nel panorama metallico mondiale, trova il tempo di tenere sempre in piedi i suoi pregevoli Sinner ed ecco che a distanza di tre anni dal precedente precevole Crash & Burn, viene dato alle stampe questo gran bel disco dal titolo One Bullet Left, edito per l'AFM records, che ci conferma come questo gruppo, ormai arrivato al sedicesimo disco in studio in oltre trenta anni di attività, sia più vivo che mai. Certo, non siamo di fronte ad un lavoro che cambierà il mondo della musica, chi compra un disco dei Sinner sa già bene cosa contiene, ma quello che piace è la passione e la freschezza che contraddistingue il cuore e la penna del buon Matt Sinner, che riesce sempre a comporre album di grandissima qualità. I contenuti nel complesso, sono ancorati sul metallo tradizionale di stampo tedesco, lo stile ricorda ha qualcosa dei Primal Fear ovviamente, ma è nettamente diverso, perché c'è nel suono dei Sinner un'impronta più hard rock ed un giusto maggiore verso la melodia. Ovviamente non mancano mai i grandi assoli e le rullate di batteria, oltre ad una sonora dose di grinta e carisma. C'è però una tendenza verso un suono più intenso ed ispirato e questo forse differenzia One Bullet Left anche rispetto ai suoi predecessori più recenti. I brani sono compatti, hanno un buon impatto che contiene la giusta forza e viene dato molto spazio alla tecnica, soprattutto nel caso delle chitarre. La presa è buona, anche immediata se vogliamo, anche gli arrangiameti sembrano piuttosto semplici, da questo punto di vista forse si poteva fare di più, come anche nel caso della produzione, non del tutto eccelsa. Il nome dei Sinner a conti fatti, resta ancora sinonimo di garanzia, ma non fate paragoni con i Primal Fear perché non reggerebbero e sarebbero inutili.

Voto: 7,5/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento