Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

venerdì 1 ottobre 2010

IRON FIRE - Metalmorphosized


Incredibili questi Iron Fire!!! Davvero stupefacente la loro musica, lo dico davvero con il cuore. Attivi da almeno quindici anni, la band danese giunge con la pubblicazione di questo ultimo "Metalmorphosized", edito per la Napalm Records, al sesto capitolo della propria discografia, facendo ritorno sul mercado discografico a distanza di un solo anno dal precedente "To the Grave". Musicalmente, gli Iron Fire suonano un tipo di power metal piuttosto tradizionale, anche se nel complesso, si dimostrano una band molto originale, dotata di un proprio stile ben definito e di una propria personalità. Associano in modo egregio la melodia alla potenza ed in tutto questo ci mettono la giusta dose di tecnica, che consente al loro prodotto musicale di risultare molto appetibile. La musica quindi è molto buona, ma il difetto è tutto nella poca fluidità e nei momenti spesso prolissi che portano questo "Metalmorphosized" a risultare un album complesso negli arrangiamenti, ma comunque semplice nei contenuti, dimostrandosi a sua volta non facile d'assimilare ad un primo impatto. Tecnicamente però gli Iron Fire hanno fatto le cose per bene, le chitarre sono buone ed anche la sezione ritmica è possente e maestosa al punto giusto. Positiva anche la prova del cantante Martin Steene, che in molti conosceranno per la sua militanza nei Force Of Evil, band composta da alcuni ex componenti dei mitici Mercyful Fate. In un album del genere poi, non può che essere buona anche la produzione, del tutto appropriata al genere proposto dagli Iron Fire. Il consiglio, è quello di dare una possibilità agli Iron Fire, perché non siamo di fronte alla classica band che prova a riprodurre le cose già fatte dagli Helloween e dai Gamma Ray, ma prova a dire qualcosa di proprio in un genere che spesso risulta intasato di uscite prove della giusta originalità, una caratteristca del quale la band danese ne è senza alcuna ombra di dubbio in possesso.

Voto: 7,5/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento