Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 13 ottobre 2010

TEMPLE OF DEIMOS - Temple Of Deimos


I Temple Of Deimos nascono circa quattro anni fa per iniziativa di Fabio Speranza (ex chitarra/voce dei White Ash, importante gruppo stoner genovese). Nella band troviamo anche Federico Olia al basso ed Andrea Parigi alla batteria. Questo "Temple Of Deimos" è il loro disco d'esordio, che giunge sul mercato discografico per merito della Elevate Records e si presenta come un disco capace di fondere in modo più che egregio il passato al presente ed addirttura al futuro. Nel senso che sono chiare in questo disco le radici rock e stoner del gruppo, ma sono anche palesi i richiami ad uno stile più attuale. Nella musica dei Temple Of Deimos è facile trovare tracce di un rock psichedelico, che rimanda ad Husker Du ed Hawkwind, o datato e di tendenza come quello dei Grateful Dead, o addirittura dei Blue Cheer, ma anche di band come Kyuss, Queens Of The Sone Age e perché no, del Chris Cornell più attuale. Ne viene fuori un lavoro maturo, nonostante questo sia un disco d'esordio, dove nulla è mai lasciato al caso. "Temple Of Deimos" non ha nulla da invidiare anche ai grandi capolavori che hanno fatto la storia del rock. Perché l'atomsofera è degna di un grande classico e perché questo è un disco diretto ed avvolgente a prescindere dai poco meno di quaranta minuti di durata. Questo a conferma del valore oggettivo di una band dal notevole spessore artistico e dalle pregevoli abilità compositive, oltre che dalla grande ispirazione che induce ogni brano a giovare di una straordinaria intensità. Il sound è vellutato e giova di una produzione assolutamente adatta per quella che è la proposta complessiva dei Temple Of Deimos. A noi è piaciuto, ora spetta a voi godere della musica di questo gruppo d'immensa prospettiva.

Voto: 7,5/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento