Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

giovedì 28 ottobre 2010

NEMESIS INFERI - Another Kind Of Evil


I Nemesis Inferi sono una di quelle band dotate d'immensa qualità e straordinario talento destinate a sfondare ed a raggiungere un consistente successo. Perché la loro musica non è mai banale, ne è simile a quella di altre band, ma si presenta originale ed inossidabile, sintomo che ci troviamo di fronte ad un insieme di musicisti dotati di grande personalità e di una identità molto precisa. I Nemesis Inferi vengono dalla Lombardia ed ormai sono attivi da oltre dieci anni. Questo "Another Kind Of Evil" è il loro secondo album in studio (il primo datato 1999 è "Sins Of Eden") ed è in circolazione da circa un anno, solo che l'attuale edizione in commercio, ristampata e messa sul mercato dalla Fuel Records, è arricchita dalla presenza dell'EP "Reborn OF Fire". Musicalmente siamo nel campo del black metal di matrice sinfonica, dove questo gruppo lombardo dimostra di non dover dare dazio a nessuno, nel senso che mettono in mostra uno stile proprio, a volte di vecchia scuola, altre più moderno e dinamico, ma sempre di grandissimo livello, con in più la presenza anche di alcune tracce di un death metal di scuola scandinava. A prescindere da ogni genere e da ogni tipo di influenza, questo "Another Kind Of Evil" è un disco fatto davvero bene, perché contiene delle canzoni composte in senso assoluto con i sacri crismi. Impossibile non restare contagiati dalla musica dei Nemesis Inferi, che sprizzano energia da tutti i pori, coinvolgendo e trascinando chi ascolta. Il livello tecnico è anche di buona qualità, sia per il buon lavoro della chitarra solista che della sezione ritmica. Il punto di forza di questo disco, resta comunque l'ottima qualità del suono, molto moderna ed attuale, che spinge automaticamente i Nemesis Inferi verso il futuro. Ascoltate quindi il buon metallo italiano, fate vostro questo disco e non ve ne pentirete. Bravi Nemesis Inferi! Continuate così!

Voto: 7,5/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento