Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

domenica 17 luglio 2011

WARMBLOOD - Timor Mortis


Altro gruppo interessantissimo proposto dagli amici della 18 Punishment Records, stiamo parlando dei Warmblood, band nostrana attiva da poco meno di dieci anni proveniente dalla Lombardia, per la precisione dalla località di Lodi. Questo discreto "Timor Mortis" è il loro secondo lavoro in studio, che giunge sul mercato discografico a distanza di tre anni dal loro disco d'esordio "Necrocosmos Destination". Andando dritti al sodo, i Warmblood assestano le proprie radici musicali nel death metal, strizzando fortemente l'occhio a sonorità estreme tipicamente statunitensi. Dal nostro punto di vista, il riferimento principale per la band lombarda sembrano essere i Cannibal Corpse, anche se Giancarlo Capra (ex Lato Oscuro) e compagni spaziano anche su altre band dello stesso settore, ma dall'approccio differente, come potrebbero essere i Death ad esempio, in alcuni frangenti invece, c'è anche qualche piccola trama thrash, in alcuni frangenti ad esempio, sembra esserci la forte influenza di "Rust in Peace" dei Megadeth, ma può essere solo un'impressione, che conferma la buona preparazione tecnica complessiva della band. I Warblood ad ogni modo perseguono un'identità molto precisa e questo rimarca come la loro personalità sia fortissima. I brani sono compatti, hanno un impatto molto forte e giovano molto di arrangiamenti ben studiati e di notevole spessore. La presa del disco non è immediata da mio punto di vista, ma con più ascolti "Timor Mortis" può essere apprezzato per le sue discrete sfumature. La produzione è discreta ed anche questo è un punto a favore sia per la band che per il disco.

Voto: 7/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento