Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

martedì 15 marzo 2011

THE SOVRAN - No Song For A Non-Generation


Ne hanno fatta di strada questi ragazzi, ne hanno fatta davvero tanta e francamente, non possiamo che esserne orgogliosi di questo pregevole gruppo. Il motivo? Sono tarantini come noi di Informazione Metal e questo non può fare altro che farci felici, perché anche nella città dei due mari e dei tre ponti, si può fare musica metal ad alto livello. I The Sovran sono attivi da poco meno di quindici anni, hanno lavorato sodo, cercando di far conoscere il proprio nome soprattutto suonando tantissimo dal vivo e dopo aver pubblicato un buon numero di demo, ecco finalmente arrivare il loro esordio sul mercato discografico. "No Song For A Non-Generation", questo il titolo dell'album, è un concentrato di grinta ed energia pura, di adrenalina e carisma, un vortice caratterizzato da musica trascinante che ti penetra nelle vene coivolgendoti ed entusiasmandoti. Lo stile dei The Sovran da sempre ricorda i Motorhead, con diverse sfumature anche di gruppi sulla scia di Turbonegro, Hellacopters e Gluecifer, ma la loro musica, ha prescindere da ogni possibile influenza, risulta sempre molto originale ed interessante. La band tarantina ha una fortissima personalità e questo si trasmette in modo palpabile in "No Song For A Non-Generation", un disco di rock genuino e frizzante, capace di rimarcare come i The Sovran siano in possesso di un'identità molto precisa e marcata. Da un punto di vista tecnico, il gruppo ionico si fa sempre rispettare, ma questo aspetto ascoltando il disco termina in secondo piano, perché al centro di tutto persiste la purezza della loro musica, l'intensità e la spontaneità. "No Song For A Non-Generation", ti cosente ascoltandolo di viaggare verso l'ignoto, di mettere da parte tutti i tuoi problemi per poi lasciarti trasportare in un mondo estraneo ad ogni possibile negatività. Buono anche il suono, merito di una produzione appropriata per quella che è la proposta musicale complessiva del gruppo. Gran bel disco davvero, composto da undici pezzi di buona qualità, tutti penetranti, dalla presa facile e dotati di un impatto molto forte. Bravi The Sovran, siete l'orgoglio nel metallo tarantino, pugliese ed italiano.

Voto: 8/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento