Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 16 marzo 2011

ARCTURUS - Shipwrecked In Oslo


Per quanto uscito nell’ormai lontano 2006, a cura di Season Of Mist, giunge oggi nelle nostre mani l’unico dvd pubblicato dagli Arcturus, di cui ne parliamo volentieri in quanto si tratta davvero di un ottimo prodotto. Non certo ed esclusivamente per la registrazione di per se, in quanto pur eccezionale dal punto di vista sonoro ci rivela qualche leggera carenza lato visivo, in fase di post production, garantendo comunque una buona visione di base del concerto. Quello che colpisce, affascina e penetra la nostra coscienza musicale è la proposta sonora di questa band che senza dubbio, per usare un solo termine che sintetizzi le sue mille sfaccetature, potremmo definire ‘immaginifica’. Nata dal sodalizio di musicisti di estrazione black metal, in seguito la band ha fatto della sperimentazione la propria bandiera fino a proporre quello alcuni definiscono avantgarde metal. Il mio semplice parere invece è quello che questa non è nient’altro che una forma avanzata di prog metal, ma di quelle più raffinate che solo pochi ed intelligenti gruppi riescono a proporre (ma guarda un po’, anche voi state pensando agli Opeth…). Improntata maggiormente sull’ultimo lavoro uscito all’epoca, Sideshow Symphonies, anche le altre tre uscite discografiche hanno contribuito all’allestimento della scaletta proposta. Davvero sorprendente l’esibizione vocale di Vortex (si si, quello dei Dimmu Borgir…), così come l’incredibile cesellamento delle atmosfere da parte di Steinard Johnsen, fondatore del gruppo,le cui tastiere imprimono a tutto l’insieme un pathos fuori dal comune. Perfetta la prova dei restanti musicisti, accompagnati sul palco da altri visual performer che contribuiscono alla coreografia dell’esibizione ed una menzione particolare per Hellammer, che da come sempre prova di essere uno dei migliori drummer in circolazione. Corredano il dvd degli extra composti da videoclip ed immagini tratti da prove. Che dire, vi invito a riscoprire il prima possibile questa band con questo lavoro senza dubbio essenziale.

Voto: 9/10

Salvatore Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento