Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 23 marzo 2011

BRAIN - Nightmare In Love


Questo è uno di quei dischi che ci piacciono, perché hanno quel qualcosa che li rende interessanti già nel momento in cui l’inserisci nel lettore e ti giunge all’orecchio il primo secondo della prima traccia. Come spesso ci capita ultimamente abbiamo a che fare con una produzione italiana ed è singolare il fatto che i musicisti di casa nostra in prima istanza si rivelano attenti ascoltatori di tutto quello che accade musicalmente dentro e fuori la scena e conseguentemente si rivelano ottimi compositori, producendo melting pot composti da svariate influenze ed esperienze, con un tocco di classe ed originalità. Nel caso dei Brain abbiamo a che fare con artisti già conosciuti nella scena estrema nazionale: Enrico Tiberi (vocals e guitars, già Edenshade e Resurrecturis), Alessio Spallarossa (drums, già Sadist) ed Andrea Lunardi (keyboards). Difficile definire la loro proposta… sicuramente la struttura portante dell’intero lavoro è basata su fondamenta death thrash (molto ma molto tecno), ma non sbagliamo se c’accostiamo la parola progressive, per varie ragioni. Prima di tutto le tastiere usate in modo intelligente e che forniscono la giusta dose d’inquietudine, sia quando tra un brano e l’altro vengono utilizzate da sole, sia quando si odono in sottofondo alle sfuriate degli altri due musicisti. Poi gli svariati cambi di tempo ed atmosfera,seguono le vocals ora in growl, ora armonizzate in refrains acchiappa cervello. Poi la tecnica, che puoi tenerla a freno quanto vuoi…ma si sente, come se si sente. Cura la promozione di questo disco Nadir Promotion, mentre la pubblicazione è a cura di New LM Records. Supportate l’ottimo metallo italiano e date una chance a questi ragazzi.

Voto: 8/10

Salvatore Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento