Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

martedì 25 gennaio 2011

KOZA NOZTRA - Tragedia Della Follia (In un Supermercato dell‘Hinterland)


Quello dei Koza Noztra è l’esempio cristallino di come dovrebbe essere un vero disco di heavy metal made in Italy, senza se e senza ma !!! Musica aggressiva, da headbanging, da farti muovere seriamente il fondo schiena dal vivo, che fonda le basi delle sue strutture musicali sugli insegnamenti dei mostri sacri del genere (…ed infatti i componenti del gruppo amano tutti più o meno casualmente gente come Iron Maiden, Metallica, Motorhead, Ozzy, Wasp, Alice Cooper, ecc.) quando ancora ‘non erano mostri’, con una differenza marcata rispetto a chiunque altro implementi nelle proprie trame musicali gli elementi appena citati: il concept e conseguentemente i testi !!! A parte il cantato rigorosamente sgraziato ed in italiano, quelli che ad un primo e superficiale ascolto possono sembrare dei contenuti altamente ironici in realtà lasciano trasparire con crudezza un messaggio maledettamente reale… Koza Noztra non è la mafia nel senso classico del termine, concepita come organizzazione criminale, ma è la ‘nostra mafia’, il nostro egoismo, la nostra celata cattiveria, quella che ci fa inveire contro drogati e prostitute quando poi di nascosto molti sniffano e si fanno le minorenni extracomunitarie, quella che ci fa pensare solo alle ‘cose nostre’… E la musica, come dicevamo prima, è un heavy metal canonico ma grezzo, aggressivo, nervoso, con una chitarra solista che sputa assoli in pieno stile nwobhm (… piccola curiosità, in alcuni brani le strutture armoniche mi hanno ricordato i Death SS di ‘In Death Of SS‘) e due voci (L’Onorevole ed Il Diacono) che ti martellano la verità sui denti… Se ci pensate bene, abbiamo a che fare con un gruppo che ha trovato una via del tutto personale per proporre la sua musica e questo è un valore fondamentale da non trascurare… Fate vostro questo disco, specialmente se avrete la fortuna di acquistarlo al banco del merchandising dopo esservi sbattuti ad un concerto di questi cinque loschi figuri…

Voto: 8,5 / 10

Salvatore Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento