Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

giovedì 23 dicembre 2010

DIE HARD - Nihilistic Vision


I Die Hard vengono dalla Svezia e sono attivi da circa cinque anni. Questo "Nihilistic Vision", dato alle stampe nel 2009 per l'etichetta polacca Agonia Records, è stato il loro disco d'esordio, dato alle stampe dopo la pubblicazione di un demo e due EP. L'ultima fatica invece della band scandinava, è un altro EP, ovvero "Thrash Them All" datato 2010. Facendo di nuovo un piccolo passo indietro, ci soffermiamo sul loro album d'esordio. Un disco che nel complesso rimarca in modo ampio quelle che sono le doti complessive di un gruppo, fortemente appassionato di death, thrash ed anche del black primordiale se vogliamo. E' infatti palpabile e palese, la forte influenza dei Venom nella musica dei Die Hard, tanto che in alcuni frangenti si ha la sensazione di ascoltare alcuni momenti del mitico "Black Metal". Questo non vuol dire che i Die Hard sono una band clone dei Venom, affatto, loro hanno certamente una loro personalità ed una precisa identità, ma in alcuni frangenti, le influenze e le passioni possono avere il sopravvento anche su quella che è l'ispirazione primordiale ed è il caso in questa circostanza di "Nihilistic Vision". Disco quindi buono, le idee di base ci sono ed i Die Hard dimostrano di essere in possesso anche di discrete capacità compositive. C'è però da migliroare il fattore tecnico, nel senso che alcune sfumature delle chitarre e della sezione ritmica possono essere rese più attuali e moderne. Il disco infatti, suona molto anni ottanta ed anche se questa potrebbe essere l'idea originaria del gruppo, in alcuni momenti può risultare come una nota stonata con quella che è la proposta musicale complessiva che circola attualmente. Diciamo che l'esperienza, potrà donare maggiore consapevolezza nei mezzi di un gruppo che ha buone basi di partenza per far bene. Per questo quindi, in quello che sarà il prossimo passo artistico dei Die Hard, la cura del fattore produzione, non potrà fare altro che giovare alla musica di questa brava band svedese. Possiamo quindi per ora promuovere i Die Hard, anche se per avere un'ulteriore conferma delle loro capacità, sarà necessario attendere il loro prossimo lavoro completo in studio.

Voto: 6,5/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento