Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 1 dicembre 2010

WITCHUNTER - Crystal Demons


Ma che bella mazzata! Questo è quello che ho istintivamente pensato durante l’ascolto di questo tostissimo lavoro di questi ragazzi abruzzesi, precisamente di Martinsicuro (Teramo), che giungono al debutto dopo un demo pubblicato nel 2008 e tanti concerti ovunque possibile che hanno messo in circolo il nome della band, finchè l’attenta My Graveyard ha deciso di offrir loro quest’occasione. E’ heavy metal classico fino all’osso quello che ci viene proposto, ispirato alle band tendenzialmente più speed della nwobhm anche se non mancano momenti più riflessivi e ‘costruiti’. Un arpeggio acustico,Shadow Of The Night,apre un lotto di dieci brani costruiti con acciaio made in Italy…La cosa che colpisce è che di solito formazioni che propongono questo genere specialmente agli esordi giocano sporco,cioè più il sound è distorto e confuso e meglio è !!! Al contrario qui gli strumenti sono tutti ben definiti,provate ad ascoltare basso e batteria, e la distorsione della chitarra è perfetta e ben definita,tanto che ognuna delle note plettrate dal bravissimo Federico Iustini arriva alle orecchie dell’ascoltatore. La title-track è un chiaro esempio di quello che vi ho appena detto. The Breath Of Satan è l’apice di tutto il disco,figlia dei Saxon più epici con un’interpretazione suggestiva da parte di Steve Di Leo,cui si può rimproverare qualche urlo forzato di troppo lungo tutto il lavoro,ma alla luce di un risultato così verace è davvero una sottigliezza e ci può anche stare. Un artwork efficacemente metal,ma fatto con gusto,ci permette di consigliare sentitamente questo lavoro a tutti voi.

Voto: 7,5/10

Salvatore Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento