Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

giovedì 18 novembre 2010

SODOM - In War And Pieces


I teutonici Sodom sono ormai in giro da poco meno di trenta anni ed hanno fatto la storia del metallo mondiale e non solo di quello tedesco ed europeo. Assieme a gruppi come Kreator e Destruction hanno creato un vero e proprio marchio di fabbrica per quanto riguarda il thrash metal di stampo teutonico, ma nel complesso, il gruppo di Tom Angelripper ha sempre avuto una marcia in più e lo dicono i fatti. "Obsessed by Cruelty", "Persecution Mania" ed "Agent Orange" hanno segnato un'epoca e per dirla con molta franchezza, i Sodom non sono certo da meno di gruppi, magari anche americani (chi ha detto Metallica?) ed inglesi, che oggi vanno in cima alle classifiche delle vendite quando esce un loro nuovo prodotto discografico. Ma non perdiamoci in parole inutili ed anche questa volta facciamo parlare i fatti. Questo nuovo "In War And Pieces", edito per la SPV, è il tredicesimo disco in studio dei Sodom e giunge a distanza di tre anni dal precedente "The Final Sign of Evil". Andando dritti al sodo, senza fare troppi e tortuosi giri di parole, possiamo serenamente affermare che siamo di fronte ad un grandissimo disco, di quelli destinati ancora una volta a segnare la storia di un intero genere. "In War And Pieces" ha tutte le carte in regola per essere considerato l'ennesimo grande classico composto dai Sodom, perché ha praticamente tutto, ovvero potenza, energia, grinta, carisma, tecnica, talento compositivo e spessore artistico. Dai Sodom ti aspetti un disco ruvido e robusto ed "In War And Pieces" rispecchia queste caratteristiche, grazie a brani potenti e massacranti. La capacità di Tom Angelripper e compagni è sempre stata quella di trascinare e coinvolgere con la loro musica e questo disco non è certo da meno dei suoi predecessori. Il valore assoluto delle singole canzoni è poi palpabile con mano, mai un calo di tono, mai un momento di pausa. "In War And Pieces" ti entra nelle vene e scorre nel sangue dandoti una forte e vibrante scarica di adrenalina. C'è poi il notevole spessore tecnico dei Sodom, soprattutto il lavoro delle chitarre è a dir poco eccellente e questo rende questo disco ancora più appetibile di un qualsiasi prodotto del settore. Infine c'è il fattore produzione, che non va certo messo in secondo piano. "In War And Pieces" giova di un suono incisivo e tagliente e questo gli consente di ottenere un impatto immediato. Poche parole, questo è un altro grandissimo disco targato Sodom. Fatelo vostro senza alcun indugio.

Voto: 9/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento