Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 10 novembre 2010

ANTHRIEL - The Pathway


Questi Anthriel sono attivi dal 2004, ma giungono al debutto discografico solo ora con questo pregevole "The Pathway", edito per la Lion Music. Da band orgogliosamente scandinava, vengono infatti dalla Finlandia, il loro sound è fortemente influenzato dalla musica della loro terra d'origine ed onestamente, non potrebbe essere altrimenti, vista la moltitudine band che viene fuori da quelle nazioni. Musicalmente siamo nel campo del progrssive metal, ma non siamo di fronte ad una band clone dei Dream Theater, affatto, perché gli Antheriel dimostrano di avere una propria identità, ben precisa tra l'altro ed una personalità fortissima. Da quello che si può notare, l'infuenza maggiore viene da un certo Malmsteen e poi scalare, ci sono gli Stratovarius in questa speciale classifiche di influenza. Nel complesso infatti basta prendere uno qualsiasi dei migliori dischi di questi artisti e renderelo più complesso e prolisso, così ne viene fuori lo stile degli Anthriel, una band particolarmente ispirata, ma soprattutto molto dotata da un punto di vista tecnico. Ci sono anche tracce dei Royal Hunt, soprattutto per quanto riguarda le tastiere, ma è facile trovare anche tracce dei Symphony X. Forse la voce del cantante non si dimostra del tutto appropriata, il suo timbro ha vole è troppo rabbioso, ma questo non incide assolutamente sulla qualità complessiva delle canzoni che compongono il disco. Buona anche la produzione, insomma, è il classico album che piacerà ai puristi del genere.

Voto: 7/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento