Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

venerdì 2 aprile 2010

DARKING - Sons Of Steel


Vengono dalla Toscana i Darking, per la precisione da Piombino e questo "Sons Of Steel", edito per l'eccellente label nostrana My Graveyard Productions, è il loro primo lavoro in studio. Alla chitarra troviamo una vecchia conoscenza del metallo italiano, ovvero Agostino Carpo, ex componente dei primi Domine. Musicalmente siamo nel campo dell'heavy metal di matrice classica e tradizionale. Il sound dei Darking è saldamente ancorato negli anni ottanta ed ha nei migliori Iron Maiden il punto di riferimento principale. Nel senso che con questo pregevole "Sons Of Steel", è possibile riassaporare sonorità mai dimenticate sulla scia di album capolavori come "The Number Of The Beast" o "Piece Of Mind", senza trovare alcuna differenza. Questo conseguentemente, vuol dire che anche "Sons Of Steel" è un autentico capolavoro del settore. Composto da grandi cavalcate di chitarra, da brani complessi, ma facili da assimilare e soprattutto, mai scontati e mai prevedibili, ma sempre capaci di stupire. C'è potenza, classe ed energia in "Sons Of Steel", ma anche tantissima tecnica. Gli amanti della chitarra ad esempio, troveranno pane per i loro denti, vista la grande abilità con il proprio strumento di Agostino Carpo, sempre puntuale con i propri splendidi assoli. Impossibile non restare ammaliati da un album di questa portata dal valore straordinario. Pezzi compatti, ma sempre virtuosi, dotati di un grande impatto e dalla portata notevole. Impossibile non farsi trascinare dal ritmo di "Sons Of Steel", soprattutto la title-track è un'autentica perla musicale facile anche da accostare ad un brano che ha fatto la storia del metal come "Heaven Can Wait". Ottima anche la produzione e non poteva essere altimenti. "Sons Of Steel" gode di una suono molto moderno ed attuale, una caratteristica che rende la ricetta musicale dei Darking ancora più succulenta ed appetitosa. Un grandissimo disco, fatto da una grandissima band. Se amate questo genere, non fatevelo scappare.

Voto: 8/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento