Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 17 marzo 2010

SADIST - Season In Silence


Attivi da ormai ben venti anni, i nostrani Sadist con questo nuovissimo "Season In Silence", giungono alla pubblicazione del proprio sesto lavoro in studio, facendo ritorno sul mercato discografico a tre anni di distanza dal precedente "Sadist". Musicalmente questo disco per i Sadist è un nuovo passo in avanti, un album che gli consente di evolversi in modo marcato, mantenendo costante ed immutata la propria coerenza. "Season In Silence" è un'autentica opera d'arte, un prodotto discografico che ci consente di toccare con mano il notevole spessore artistico di un gruppo dotato di grande talento, qualità ed incredibili doti tecniche, oltre che di straordinarie doti compositive. Siamo di fronte ad un grandissimo album, lo ripetiamo ancora una volta e non ci stancheremo mai di dirlo. Siamo di fronte ad un disco unito da un unico filo conduttore sul quale si giostrano tutti i singoli componimenti, come un film da premio Oscar suddiviso in capitoli. Da un punto di vista prettamente musicale, il marchio di fabbrica dei Sadist è rimasto sempre lo stesso, ovvero quello di un death metal di matrice progressiva, ma resta comunque un discorso limitativo e francamente per una band immensa come i Sadist, i limiti non esistono. Diciamolo poi con estrema franchezza, "Season In Silence" non è un album facile, nel senso che a livello compositivo si basa su una determinata complessività di fondo che non lo rende d'immediata assimilazione, ma è proprio questo l'aspetto che rimarca il grande valore del gruppo e che ne conferma ancora una volta la notevole personalità. Assolutamente eccellente il lavoro in fase di produzione, "Season In Silence" suona come un album molto moderno ed attuale e giova di un suono particolarmente tagliente ed incisivo. Da pelle d'oca la voce di Trevor, pungente e malvagia come non mai, impeccabile il lavoro di Tommy Talamanca alle tastiere ed alle chitarre, un lavoro talmente perfetto che rievoca gli antichi fasti di quel capolavoro chiamato "Tribe", un disco che a sua volta è in possesso di moltissimi punti in comunque con questo ultimo "Season In Silence". Bravi Sadist, questa volta vi siete davvero superati. E voi umili mortali, fate vostro questo disco, vi lascerà a bocca aperta!!!

Voto: 9/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento