Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

sabato 20 febbraio 2010

AVATAR - Avatar


Questi Avatar vengono dalla Svezia e sono attivi da circa nove anni. Questo nuovissimo "Avatar", edito per l'etichetta GAIN Music Entertaiment, è il terzo capitolo del proprio percorso artistico e giunge a due anni di distanza dal precedente "Schlacht" ed a tre dall'esordio "Thoughts Of No Tomorrow". Musicalmente siamo nel campo del death metal di matrice melodica, dove gli Avatar risultando la fusione esatta tra gli stili di Dark Tranquillity, In Flames, Children Of Bodom e Soilwork. Questo non vuol dire che non sono in possesso di una propria personalità, anzi, i passi in avanti tra questo "Avatar" ed il proprio predecessore, sono marcati ed evidenti, tanto che ci troviamo di fronte ad una band matura e capace di trasportare in musica quella che è la propria identità, evolvendosi con una palpabile coerenza di fondo. Anche la decisione di dare come titolo al disco lo stesso nome della band, è in un certo senso una scelta forte, come per definire in mondo ancora più deciso quello che è lo stato musicale attuale del gruppo scandinavo. "Avatar" nel complesso è un buon disco, che può in certi frangenti sembrare crudo ed in altri nobile sino all'eccesso, ma la sostanza ci dice che l'album si lascia ascoltare in modo fluido e scorrevole, grazie a brani intensi e compatti allo stesso tempo, taglienti e contemporaneamente ultra melodici, con una fortissima componente tecnica a corredo. "Avatar" piace perché contiente pezzi immediati, che si assimilano al primo ascolto, nonostante una struttura di fondo ponderatamente complessa, ma mai tortuosa. Gioca poi un ruolo fondamentale e determinante la produzione, che fa salire ulteriormente il livello qualitativo del disco. E' vero, "Avatar" ha il sapore del già sentito, ma giova di un sound moderno ed attuale, che lo distanzia nettamente da qualsiasi produzione del passato. Se amate queste sonorità, siamo di fronte ad un disco assolutamente eccellente che non potrà non piacervi.

Voto: 7/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento