Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 4 maggio 2011

RICCARDO CHERUBINI - Riccardo Cherubini


La chitarra si sa è lo strumento principe dell’hard rock ed è facile che molti fra noi ‘metallari’ siano particolarmente attratti da quei lavori d’impronta marcatamente chitarristica. Allora fate bene attenzione, perché qui in Italia non siamo secondi a nessuno ed il panorama artistico, specie nell’ambito della sei corde, è particolarmente ricco e variegato. Pochi giorni fa abbiamo recensito ed intervistato il bravissimo Luigi Schiavone, ora è il turno di un altro ottimo axeman, il cui ultimo omonimo lavoro esce per la stessa etichetta, la solerte VideoRadio. Parliamo di Riccardo Cherubini, chitarrista studio e live per Marco Masini, che in questo cd mette in mostra tutto il suo talento in fase di songwriting ed il gusto nella scelta degli arrangiamenti, oltre alle elevate capacità esecutive. Abbiamo a che fare con 11 brani, dieci strumentali ed uno cantato, di matrice rock con sfumature alternativamente blues, pop ma anche leggermente jazz e prog in un paio di brani, che coinvolgeranno nell’ascolto non solo i cultori della sei corde ma anche l’ascoltatore occasionale in quanto, in base a quanto dicevamo prima, Riccardo ha dato precedenza al mood complessivo dei pezzi ed ha evitato un’esibizione di tecnica (che comunque c’è e si sente) fine a se stessa. Vi faccio notare il fatto che i migliori lavori strumentali arrivano proprio dalle mani di questi artisti coinvolti nel panorama mainstream rispetto a quelli prettamente metal, segno che le svariate esperienze in studio e dal vivo con artisti e generi di diversa estrazione lasciano il segno. Di rilievo anche la lista degli ospiti coinvolti tra cui blasonati colleghi di strumento come Rodolfo Maltese, Luigi Schiavone e Ricky Portera. Un ringraziamento per la collaborazione col nostro blog a Beppe Aleo, master mind di VideoRadio/Rai Trade, grazie alla cui volontà vedono la luce ottimi lavori come questo.

Voto: 8,5/10

Salvatore Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento