Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

lunedì 25 aprile 2011

SOUDGARDEN - Live On I-5


I Soundgarden sono una band seminale nel panorama grunge, negli anni novanta nella piena esplosione del genere, hanno recitato un ruolo assolutamente fondamentale e nel complesso, hanno certamente dimostrato di avere qualcosa in più rispetto ad altri gruppi del settore che sono balzati maggiormente alle cronache in quel periodo. Hanno scritto pagine indelebili in ambito rock ed i loro dischi non possono certo mancare nella collazione di chi ama la musica a tutto tondo. Tuttavia nella discografia di questa grande band, è sempre mancato un album dal vivo, ma oggi, grazie all'impegno dell'Universal, è arrivata finalmente una loro testimonianza live. I Soundgarden, nell'ormai lontano 1996, avevano registrato diverse date durante il loro tour sulla West Coast, ma dopo lo sciogliemento del gruppo che avvenne solo un anno più tardi, la possibilità di pubblicare un live album venne messa in archivio. A distanza di ben quindici anni, viene finalmente realizzato questo progetto che prende il nome dalla Interstate 5 che scorre lungo tutta la costa dell’oceano Pacifico. La musica dei Soudgarden risalta sia nei momenti più roimantici e crepuscolari dove esce il lirismo (vedi ad esempio “Spoonman”, “Fell On The Black Days” e Black Hole Sun”) e l’introspezione del grunge, sia nei momenti certamente più heavy. Chris Cornell è un cantante fantastico e si dimostra un frontman potente, soprattutto quando si odono i suoi acuti in pezzi come “Jesus Christ Pose”, “Rusty Cage” e “Outshined”, mentre le radici più tendenti al sound tipico dei Black Sabbath, emergono in modo palpabile in un pezzo versatile come “Slave & Bulldozers”. Il disco scorre in modo fluido e si lascia apprezzare dalla prima all’ultima nota senza alcun momento di pausa. Il fatto di essere un collage di più concerti, fa diminuire leggermente il fattore coinvolgimento, che sarebbe stato maggiore in caso di riproduzione di un unico show, ma resta comunque un dato relativo che non intacca neanche in minima parte lo spessore qualitativo del disco. Nel complesso quindi, “Live On I-5” rappresenta una sorta di raccolta dei Soundgarden dal vivo, impreziosito però da alcune chicche, che sarebbero un paio di cover che mostrano anche il lato più grezzo e punk della band. “Helter Skelter” dei Beatles e “Search And Destroy” degli Stooges, sono interpretate in modo assolutamente egregio ed inoltre sono impreziosite dal valore assoluto dei Soundgarden. Un disco che non può mancare assolutamente nella vostra collezione personale.

Voto: 7/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento