Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 2 marzo 2011

OBSCURA - Intervista alla Band


Intervista ai teutonici Obscura, in occasione della pubblicazione del loro ultio lavoro in studio "Omnivium". Ci risponde Hannes Grossmann, batterista del gruppo:

Come descriveresti, in termini musicali il vostro nuovo album? Vuoi introdurlo?

-Parlando di musica, ho la sensazione di vedere in prima istanza, una musica fatta in senso analitico. Per confrontare 'Cosmogenesis' con 'Omnivium', direi che questo nuovo disco ha delle vibrazioni molto scure che a volte sono molto vicine al sentimento di una band come gli Emperor. Essi, sono stati una grande influenza con l'album 'Prometheus' pochi anni fa. Abbiamo ancora integrato il disco con la nostra impronta musicale, con la nostra identità di band come Obscura. 'Omnivium' potrebbe essere un passo nella giusta direzione. Con il precedente album abbiamo voluto creare musica e soprattutto la sensazione degli album dei primi anni '90 come 'Human', 'Unquestionable Presence' e 'Focus'. L'album di debutto è stato un album solido in cui tutte le nostre influenze, erano molto evidenti, soprattutto in un brano come 'Nothing' trasparivano i Morbid Angel. Per creare qualcosa di nuovo, abbiamo deciso di non copiare noi stessi e quindi scrivere un secondo 'Cosmogenesis', né tentato di registrare un nuovo album dei Death. Abbiamo anche usato più chitarre a sette corde, che si traduce in un muro di suono più ampio e una sensazione diversa. Al momento abbiamo qualche idea su come e in che modo il prossimo album potrebbe essere diretto. Sono abbastanza sicuro che possiamo andare ancora oltre a creare musica interessante in futuro e mantenere il nostro approccio estremo prog.

Quanto tempo è servito per registrarlo?

-Tutto sommato metà anno circa.

Qual è l'origine di una vostra canzone?

-Tutti siamo stati influenzati da altri gruppi all'interno della band. Quindi, per questo album abbiamo avuto idee diverse ed abbiamo scritto insieme le nostre idee con l'aiuto dei computer. Abbiamo sempre avuto idea di come una canzone dovesse suonare. Quindi non abbiamo messo troppo tempo per il copmletamento di una canzone, è stato semplice scrivere e quindi sapere cosa si stava andando a suonare. Faccio la maggior parte della strutturazione dei brani e le modalità. Ma in generale, la composizione è uno sforzo vero della band.

Quali sono gli argomenti affrontati nel nuovo album?

-È possibile interpretare l'album e il concept in base ai testi ed al design in modi molto diversi. Allo stesso modo siamo soliti comporre musica, Steffen cerca di costruire una base principale ed aggiunge altre idee fino a quando il risultato non è soddisfacente. Nel disco si parla della storia della scimmia, con il concetto di umano, visto come evoluzione con un legame molto poetico e filosofico, come noi uomini ci siamo sviluppati, ma ci sono anche nuove dimensioni, oltre che scoperte chimiche, pensieri di filosofia superiore, così come il grande dibattito sulle religioni. L'attenzione ai testi si basa sulla filosofia più alta e sulla discussione di diverse religioni. A tal proposito con 'Omnivium', ci siamo basati sul libro di Friedrich Schelling On Nature's Connection to the Spirit World', aggiungendoci i nostri pensieri. Su tutti i testi ho un parere personale, una preferenza personale e una diversa visione sullo stesso argomento in particolare sulle religioni. C'è sempre un collegamento alla vita reale, quelle idee non invecchiano mai. Ma, non diciamo alla gente cosa fare, cosa pensare o come vivere la loro vita. Tutti con 'Omnivium' dovrebbero trovare la propria verità. 'Omnivium' il titolo, ad esempio, è un vortice nero all'interno dell'universo, una spirale verso il basso per annientare tutto il genere della vita e gli elementi per creare qualcosa di nuovo.

Qual è il brano del vostro nuovo album al quale ti senti più affezionato?

-Hmm, domanda difficile. Personalmente mi piace l'opener "Septuagint", perché ha dentro tanti colori diversi. E' un brano strumentale èd anche qualcosa per il quale possiamo essere fieri.

Quali sono le band che hanno influenzato il vostro sound di più?

-Questo è qualcosa di diverso per ogni membro del gruppo, perché ognuno nella band ha influenze individuali che portiamo nella nostra musica. Ci sono band che hanno influenzato tutti: Death, Morbid Angel, Dissection, Emperor, Cynic e Symphony X. Uno dei nostri gruppi preferiti è una band praticamente sconosciuta in Germania chiamato Noneuclid. Essi sono la più grande influenza per noi attualmente. Per me personalmente, la più grande influenza sono stati i RUSH. Ma anche alcuni altri gruppi prog, come Dream Theater, Watchtower, Edge of Sanity (Crimson!) e Psychotic Waltz, ma anche musica classica e fusion.

Cosa vi aspettate dal nuovo album?

-Che si venda, haha!

Cosa ne pensi del mondo del music business?

-Penso molte cose. In una prospettiva a breve termine, molti gruppi e artisti tendono a parlare male del business e dire cose come "oh, solo se promuoviamo la band diventiamo più grandi, invece di essere considerati solo musicisti di talento". Ma in una prospettiva a lungo termine è la musica di alta qualità quella che si conficca nella mente della gente e che ha un significato. Quindi, qualsiasi band che è pubblicizzata al momento, senza avere sostanza musicale, sarà dimenticata tra 10 anni! Penso che noi facciamo musica di alta qualità, quindi mi aspetto che diventeremo molto più grande in pochi anni. Non importa quale sia l'azienda per la quale lavoreremo. Con internet il mondo della musica professionale è minacciato. Per noi musicisti è una grande occasione! Ma d'altra parte, è necessario avere le aziende professionali per distribuire la tua musica. Non si può fare da soli arrivati ad un certo livello. Quindi, un sano lavoro di etichette / agenzie di booking ed artisti è il modo migliore per affrontare i problemi del business.

Quali sono le principali difficoltà per una band come la vostra?

-Arrivare alle persone che hanno potere nel marketing e che possano credere nel futuro della nostra band.

C'è qualche musicista con il quale desideri collaborare un giorno?

-Hm, buona domanda. Mi piacerebbe molto suonare con Michael Romeo dei Symphony X ed Allan Holdsworth, due dei miei musicisti preferiti. Inoltre, troverei molto stimolante scrivere con Ishahn o Michael Akerfeld. Ma ci sono stati molti musicisti finora con i quali ho avuto la fortuna di collaborare, come i ragazzi della mia band che sono i migliori con i quali io abbia mai lavorato. E anche aver suonato con Steve DiGiorgio e lavorare con Ron Jarzombek e Alex Webster su Blotted Science è stato un grande sogno diventato realtà.

Quali sono i piani futuri per la band? Come desiderate promuovere il vostro nuovo album?

-L'etichetta sta facendo la promozione, haha! Farempo presto un grande tour nel 2011, e lavoreremo anche con i nostri testimonial TAMA, Meinl, Pro-Mark Sticks, Ibanez e ENGL migliroando la nostra fama di musicisti!

Pubblicherete un live CD o un DVD?

-Un DVD è in realtà sta uscendo in questi giorni! Sto rilasciando un DVD didattico per batteristi, uscirà il prossimo mese, così come vogliamo anche fare un DVD per gli Obscura un giorno. Non mi piace molto però l'idea di un album live.

Vuoi lasciare un messaggio ai nostri lettori?

-Non votate per Berlusconi!

Intervista di Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento