Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

lunedì 21 marzo 2011

MOTHERSTONE - Terror Is Over


Tornano in pista a tre anni dal precedente Biolence i romani Motherstone, con questo Terror Is Over che è evidente frutto dell’ulteriore maturazione del gruppo, favorita anche da una notevole serie di esibizioni live al fianco di act come Infernal Poetry, Exilia, Dark Lunacy e Blaze Bayley. Questo è in realtà un lavoro impeccabile, dove un buon songwriting convive con l’ottima tecnica esibita dai cinque musicisti (sugli scudi il drummer Rik Mackey), producendo un lotto di brani immediati e dal notevole impatto, orecchiabili nei refrain senza essere banali, che dal vivo spianeranno il terreno alla band per commettere i dovuti sfracelli. Una matrice tradizionalmente thrash (comprovata anche dall’omaggio ai Metallica di cui i nostri citano Harvester Of Sorrow in apertura al brano Mental Wreckage) viene ampliata da venature death (particolarmente dovute ai growls di JJ Mammasso) e sfumature metalcore. Completa questo caleidoscopio di sonorità estreme la prestazione della female vocalist Vale, brava ad alternare fraseggi in tipico rock style con refrain pop oriented che forniscono ai brani un groove micidiale. Come dicevamo è l’impatto il mood privilegiato di questo lavoro, evidente in fase di apertura con Face Your Fate, così come scariche di pura adrenalina sono Mad Man Walking e la title track posta in chiusura, dotata di un bellissimo ritornello. L’ottimo art work presenta il concept del cd, incentrato sulla pazzia e l’insanità mentale, chiudendo una trilogia partita nei precedenti lavori. Si tenga conto che questa è un’autoproduzione davvero sorprendente in quanto ottimamente registrata, con sonorità potenti ed esplosive ma allo stesso tempo ben definite.

Voto: 8/10

Salvatore Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento