Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

venerdì 4 febbraio 2011

MYLAND - Intervista alla Band


Intervista ai nostrani Myland, in occasione della pubblicazione del loro ultimo disco in studio "Light Of A New Day". Ci risponde il batterista della band Paolo Morbini:

Siete appena usciti sul mercato discografico con un nuovo album in studio, potete presentarlo ai nostri lettori?

-Ciao a tutti i lettori di Informazione Metal,grazie per lo spazio che ci dedicate!!! Il nuovo album “Light of a new day”rappresenta appunta la luce di un nuovo giorno,a parte me Paolo Morbini,ci sono 4 nuovi musicisti nella band che avevano gia’ registrato una special track per la versione giapponese del nostro album precedente”No man’s land”dove insieme a noi cantava Fergie Frederiksen cantante dei Toto,con questo album speriamo e ne siamo convinti di confermare la qualita’ del nostro songwriting ritenuto di alto livello qualitativo dalla critica mondiale del genere Melodic rock,ci siamo impegnati al massimo per ottenere un risultato di livello internazionale siamo soddisfatti del lavoro finito,yeahhh!

Come è nata la vostra band e quali sono le vostre origini?


-La band e’ nata nel 1992 da un primo progetto chiamatosi Paolo Morbini band,5 amici amanti dei Toto registrarono un album cantato in italiano molto Toto style,che ancora oggi e’ molto ricercato dai collezionisti di tutto il mondo amanti dell’Aor,in quel momento eravamo abbastanza anomali in Italia non c’erano state molte bands del nostro genere fino a quel momento,poi passarono gli anni, io e il cantante Guido Priori,formammo i Myland e partimmo con rifare in inglese appunto il primo album dei Myland “The time is over”fino ad oggi che come detto prima c’e’ una nuova formazione.Franco Campanella alla voce,Hox Martino alla chitarra,Davide Faccio alle tastiere Fabian Andrechen al basso,ed io alla batteria.

Come è nato invece il nome della band?


-Il nome della band lo’ invento’ Guido, primo perche’ siamo di Milano Myland in tedesco vuol dire appunto Milano,in inglese invece vuol dire la mia terra,per cui ….non fa’ una piega!!!!

Ci sono delle tematiche particolari che trattate nei vostri testi o vi ispirate alla quotidianità in genere? Che peso hanno di conseguenza i testi nella vostra musica?

-In questo genere musicale c’e’ chi piu’ chi meno ha parlato di cose impegnate,la maggior parte delle bands che suonano AOR parlano d’amore o di quotidianita’

Quali sono gli elementi della vostra musica che possono incuriosire un vostro potenziale ascoltatore e quali sono quindi le qualità principali del vostro nuovo album?


-Musica molto orecchiabile suonata con pulizia assoluta e precisione,cori all’enesima potenza e soli di chitarra/tastiere,supermelodici,melodie della voce semplici ed efficaci,questi sono gli elementi che servono per essere una band AOR!

Come nasce un vostro pezzo?

-Molto spesso da un idea di pianoforte o riff di chitarra,ma ci si ferma subito dopo per avere subito il ritornello accattivante e soprattutto melodico!

Quale è il brano di questo nuovo disco al quale vi sentite particolarmente legati sia da un punto di vista tecnico che emozionale?

-I figli son pezzi e core!!!!!(non sono napoletano non so’ se si scrive cosi’!!!)

Quali band hanno influenzato maggiormente il vostro sound?

-Sicuramente per quanto mi riguarda Toto,Journey,Saga,Chicago,e se ci spostiamo sull’hardrock..Dokken,Scorpions,Van halen..etc..

Quali sono le vostre mosse future? Potete anticiparci qualcosa? Come pensate di promuovere il vostro ultimo album, ci sarà un tour con delle date live?


-Si stiamo gia’ suonando in Italia e faremo delle date all’estero,stiamo ancora definendo,la nostra etichetta la Point Music tedesca ha gia’ organizzato con l’album precedente delle date in Germania,speriamo di tornarci presto .

E’ in programma l’uscita di un album dal vivo o magari di un DVD?


-Non ancora abbiamo cambiato line up e vorremmo fare un altro album prima di un live in dvd!

Come giudicate la scena musicale italiana e quali problematiche riscontrate come band?

-Io appena posso ne parlo,qui funziona tutto a conoscenza se sai suonare o se hai venduto abbastanza non frega un cazzo a nessuno e’ una vera schifezza,c’e’ una mafietta che fa’ suonare sempre le stesse bands e chi organizza i concerti parlo di grosse agenzie,non considerano mai le bands italiane c’e’ una notevole differenza all’estero e’ un peccato abbiamo ottime bands in Italia e si devono troppo arrangiare da sole,ma speriamo comunque che cambi,ma finche i locali danno fiducia alle coverbands o tribute bands non vedo molta speranza…in primis sono i locali che dovrebbero imporre musica inedita e fare cultura…..disastro!

Internet vi ha danneggiato o vi ha dato una mano come band?


-Internet ci ha aiutato molto,appunto non avendo molte possibilita’ di farci conoscere live,con internet abbiamo raggiunto tutto il mondo,siamo piu’ conosciuti all’estero che qui in Italia,per il problema poi del download a noi ci ha toccato certamente ,ma facendo un genere seguito da veri appassionati tutti comprano il cd difficilmente scaricano e se lo fanno e’ solo per ascoltare diciamo una preview ma probabilmente poi si comprano l’album originale,onore a loro!

Il genere che suonate quanto valorizza il vostro talento di musicisti?


-Azz tantissimo,personalmente penso che sia uno dei generi dove ogni musicista non ha limiti,.noi possiamo spazziare dal rock al funk dal jazz al progressive,essere piu heavy,cambiare e fare un brano piu’ verso la dance o il pop,ricercare sonorita’ particolari,il bello di questo genere che non ci sono limiti,la legge e’ sempre una sola…l’importante e che ci sia melodia!!!

C’è un musicista con il quale vorreste collaborare un giorno?

-Mah piu’ che un musicista magari un produttore che ne so’ Matt Lange..potrebbe essere fiko!!

Siamo arrivati alla conclusione. Vi va di lasciare un messaggio ai nostri lettori?

-Ragazzi andate a vedere la musica dal vivo sostenete le bands di inediti,non andate a vedere i coveristi,c’e’ bisogno di cambiare!!!Rock on!

Intervista di Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento