Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 26 gennaio 2011

PERSEO MIRANDA - A Silence That Screams


Periodo abbastanza prolifico per Perseo Miranda, che a pochi mesi dall’ultimo lavoro, Praise My Day, ci propone questo lavoro nuovo di zecca. E’ un personaggio particolare Perseo, un artista ecclettico e poliedrico, scrittore, astrologo, conduttore televisivo e comunque persona fuori dagli schemi che ad un primo impatto può lasciare interdetti… Ma noi sappiamo molto bene che son proprio questo tipo di personaggi quelli che si rivelano essere realmente profondi e concreti, che mettono il cuore in ciò che fanno e che alla fine ti lasciano qualcosa di tangibile nell’anima. Ascoltando questo disco mi son tornati in mente i momenti in cui mi approcciavo a questo genere musicale, quando uscivano i primi dischi dei Death SS post Paul Chain o quelli del chitarrista pesarese stesso, oppure quelli di Bulldozer, Sabotage e Strana Officina… Insomma sarà per il sound metal vintage ma potente, per i brani proposti che alternano momenti heavy a momenti progressivi così come partiture occultamente atmosferiche che mi son tornati in mente questi vecchi sapori. E’ un cantato particolare quello di Perseo, che può ricordare King Diamond, con la differenza che tecnicamente il singer danese è comunque innarivabile mentre l’artista genovese per lo meno ci mette feeling e tanta buona volontà. Efficaci invece le composizioni supportate in fase di arrangiamento dal notevolissimo lavoro a chitarra e basso di quel grande chitarrista che risponde al nome di Pier Gonnella (Necrodeath, Mastercastle). Insomma, si può cenare in un ristorante di lusso dove tutto luccica o in una trattoria dove c’è tanta tanta sostanza mangereccia… Perseo Miranda è la trattoria ed io preferisco la preferisco senza mezzi termini…

Voto: 7,5 / 10

Salvatore Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento