Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

giovedì 23 dicembre 2010

SINISTER - Legacy Of Ashes


Gli olandesi Sinister sono ormai una certezza nell'ambito del death metal di fama non solo europea, ma mondiale. Sulle scene ormai da oltre venti anni, la band di Aad Kloosterwaard giunge con questo nuovo "Legacy Of Ashes", edito per la massiccia Massacre Records, alla pubblicazione del proprio nono album in studio, facendo ritorno sul mercato discografico a distanza di due anni dal precedente "The Silent Howling". Musicalmente nel caso dei Sinister non c'è possibilità di sbagliare. Il loro è un death metal puro, che per certi versi può anche ricollegarsi alla scena statunitense, ma la particolarità del gruppo olandese, è sempre stata quella di essere in possesso di una propria personalità, il che gli ha sempre portati a pubblicare prodotti colmi di originalità. Anche questo "Legacy Of Ashes" non viene meno a questo concetto ed in un certo senso i Sinister con questo disco fanno un netto salto nel passato. Da un punto di vista di contenuti, questo ultimo lavoro ricorda molto i primi album del gruppo olandese, con la differenza che la tecnologia ed i tempi moderni, hanno influito positivamente sul prodotto complessivo a livello sonoro. Se quindi "Legacy Of Ashes" ha dei contenuti musicali di vecchio stampo, gode a sua volta di un suono molto curato ed attuale e questo rende il disco stesso a dir poco eccellente anche da diversi punti di vista. La differenza anche rispetto a "The Silent Howling" per certi versi è piuttosto netta, perché i Sinister hanno dato maggiore risalto al loro lato più brutale e questo è un dato palpabile sin dal primo momento. "Legacy Of Ashes" è quindi un disco immendiato nell'apprendimento, che piace subito, senza bisogno di ulteriori ascolti. Anche a livello tecnico ci troviamo di fronte ad un lavoro di grande valore e se ci aggiungiamo anche l'ottimo lavoro svolto in fase di produzione, possiamo affermare serenamente che dai Sinister non si poteva certamente pretendere si più.

Voto: 8/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento