Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

giovedì 16 dicembre 2010

MORTIIS - Perfectly Defect


Lo spessore artistico di un musicista come Mortiis non è assolutamente in discussione, in molti lo ricordano per il suo importante passato negli Emperor, ma è bene che questo resti solo un ricordo. Il Mortiis di oggi è un artista nettamente diverso, che musicalmente prende nettamente le distanze dal black metal (ma era così ormai già da molto tempo), per sposare uno stile che non è più innovativo, ma che a conti fatti resta sempre molto moderno e di straordinaria attualità. Anche il primo Mortiis solista non esiste più. Scordatevi infatti le sonorità darkwave ed ambient. Oggi è l'industral rock al centro del mondo di Mortiis e fondamentalmente, anche se in molti potrebbero storcere il naso nel leggere queste parole, un disco qualsiasi dell'artista norvegese è certamente migliore di tanta robaccia che c'è in giro, ma che però gode di maggiore considerazione solo perché inserita in canali più diffusi e conosciuti. Se ci dimentichiamo il primo passato di Mortiis, soprattutto dovrebbero farlo i più conservatori, possiamo serenamente affermare che "Perfectly Defect" risulta un buon disco se visto però nei contenuti musicali che lo stesso Mortiis percorre oggi. Oltre all'industral, i connotati dark ed ambient non sono del tutto scomparsi, ma sono rimasti presenti se pur in minima parte. Non siamo però di fronte ad un nuovo "Animatronic" dei Kovenant, assolutamente, perché Mortiis con la sua musica non punta al fattore commerciale, ma all'essenza ed all'intensità ed è questo che lo rende unico e particolare. Fondamentalmente, questo disco suona diverso da "The Grudge" del 2004, perché in Mortiis si percepisce sempre la voglia di evolversi e rinnovarsi. "Perfectly Defect" è colmo di suoni sintetici e moderni, ma non ne viene fatto un sono smisurato, ma ogni componente è inserito nel modo giusto. Ottima la produzione. Se avete voglia di perdervi nella vostra mente, perdetevi nel mondo di Mortiis, altrimenti restate nel vostro limbo.

Voto: 6,5/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento