Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

domenica 10 ottobre 2010

CONTROL DENIED - The Fragile Art Of Existence


Ci sono band che hanno fatto la storia del metal incidendo un solo disco. Ci sono personaggi che nel cuore avevano l'arte e che sono riusciti ad imporsi grazie all'heavy metal. Tra queste band e questi personaggi, ci sono certamente i Control Denied ed il mitico Charles "Chuck" Schuldiner, che in molti conosceranno maggiormente per i propri capolavori firmati con i Death. I Control Denied sono nati nel 1995, perché il buon Chuck aveva voglia di mostrare il proprio estro andando oltre i canoni del death metal. Purtroppo però, questa avventura è durata solo il tempo di un album, ovvero questo immenso "The Fragile Art Of Existence" pubblicato nel 1999, perché poi il cancro ci ha portato via l'arte di questo incredibile personaggio. Dare un'etichetta alla musica dei Control Denied è praticamante impossibile. In molti lo hanno definito come progressive power metal, ed è forse l'abito che meglio veste questa visione musicale di Chuck Schuldiner, anche se fondamentalmente, ci troviamo di fronte ai Death con la voce di un altro cantante, ovvero il bravissimo Tim Aymar (Pharaoh). Per questo, inseriamo i Control Denied nel grande calderone dell'heavy metal, consapevoli che "The Fragile Art Of Existence" contiene una miriade di elementi progressivi. Ma perché parlare oggi di questa band ad undici anni di distanza? Semplicemente perché la Relapse oggi ripublica questo grande disco rimasterizzandolo, donandogli conseguentemente un suono più pulito e moderno, arricchendolo inoltre di una moltitudine di demo degli stessi brani presenti nel disco. Francamente parlare del disco può essere anche superfluo, perché questo è un album che ha fatto la storia del metal, al pari di un capolavoro firmato dai Metallica o dagli Iron Maiden, con l'unica differenza che purtroppo per i motivi sopra anticipati, i Control Denied non hanno potuto avere un seguito. Fortunatamente però, il buon Chuck ha potuto dire la sua per diverso tempo con i Death e forse il riflesso di questa grande band potrà illuminare ulteriormente la musica dei Control Denied, una band che resterà per sempre in vita anche se oggi non esiste più.

Voto: 9,5/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento