Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 14 aprile 2010

TAKIN DAWN - Time To Burn


Erano anni che non sentivo un disco così. Avete voglia di un disco sanguigno, grintoso, trascinante e carismatico? Bene, allora avete trovato quello che fa per voi ed è questo pregevole "Time To Burn" dei Takin Dawn, band satunitense nata nel 2006, proveniente per la precisione dallo stato del Nevada e dalla città di Las Vegas, che dopo la pubblicazione di un EP omonimo nel 2009, giunge al proprio esordio sul mercato dicografico per la sempre puntuale Roadrunner Records. Musicalmente lo stile dei Takin Dawn è un po' datato, ma nel complesso è sempre attualissimo. La band americana fonde ad un hard rock tradizionale e graffiante, con un heavy metal classico e particolarmente meodico, dove al centro di tutto, c'è sempre la chitarra, uno strumento praticamente fondamentale ed in questo il lavoro di Mikey Cross, chitarrista del gruppo, è assolutamente da elogio. Da un certo punto di vista i Takin Dawn ricordano in modo palpabile gli Skid Row dei primi due album, ma anche gli Extreme di "Pornograffiti" ed hanno diverse tracce dei Guns 'N Roses più energici e dinamici, oltre che dei Whitesnake. Ne viene fuori un disco che scorre in modo fluido, che si lascia apprezzare dalla prima all'ultima nota e che contiene brani potenti, energici, dalla portata notevole e dall'impatto molto forte. "Time To Burn" è un disco che si assimila subito, grazie a ritornelli e cori trascinanti, che si stampano nella mente e non ti lasciano più. Ottima la produzione, i Takin Dawn giovano di un suono molto moderno ed attuale e questo non fa altro che migliorare ulteriomente la loro ricetta musicale. Eccellente anche la preparazione tecnica complessiva di un gruppo che sa scrivere davvero delle buone canzoni e questa alla fine, è la cosa che più conta. Poche parole quindi, se amate questo genere, buttatevi senza indugio nella musica dei Takin Dawn e non ve ne pentirete, perché sapranno sedurvi senza troppi giri di parole.

Voto: 7,5/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento