Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

lunedì 19 aprile 2010

ADRIAN SHAW & ROD GOODWAY - Oxygen Thieves


Ovunque ci sia qualcosa di strano ma comunque interessante c’è dietro Black Widow che cura la distribuzione di questo Oxygen Thieves. Chi saranno mai questi loschi figuri il cui lavoro è adornato da una copertina popolata da strani personaggi collocati in un disegno tipico del pop/prog dei seventies? Allora Adrian Shaw è stato il bassista degli Hawkwind (altri loschi ma fondamentali figuri) in Quark, Strangeness And Charm e PXR5, ha collaborato con Deviants, Arthur Brown, fondato i Magic Muscle e dal ’90 è entrato negli albionici Bevis Frond. In questo disco ha suonato tutti gli strumenti (compresi sitar e mandolino) mentre Rod Goodway (ex Magic Muscle) vi ha cantato. In questo lavoro abbiamo a che fare con canzoni (perché di canzoni si tratta, non ci sono suites od orpelli vari) pregne di melodie incanalabili nel psych pop inglese più acido e psichedelico. Echi barrettiani, ma con una voce che ricorda anche le interpretazioni di Waters in alcuni tratti, dei primi due dischi dei Pink Floyd (The Piper At Gates… e A Saucerful Of Secrets). Anche alcune reminescenze del primo Bowie non sono da scartare così come tratti del suono Hawkindiano… il tutto condito da tanti godibili assoli di chitarra. Se vi interessano le coordinate stilistiche di cui abbiamo appena parlato dategli un ascolto.

Voto: 6,5/10

Salvatore Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento