Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 10 marzo 2010

NECRODEATH - Old Skull


Ed eccoci qui,dopo ben 25 anni,a festeggiare la presenza e la perseveranza di Peso e soci nell’ostico panorama musicale italiano. Venticinque anni di entusiasmo e temporanei ripensamenti,di sacrifici e piccole soddisfazioni,di gente che se n’è andata e di nuovi arrivati, il tutto con unico fattor comune: la qualità, e questo al di là dei pareri personali (c’è chi non ha gradito la svolta di Draculea,io lo trovo semplicemente fantastico…). Detto questo,non impazzisco per gli album composti esclusivamente da covers e questo Old Skull và obbiettivamente valutato per quello che è, cioè un modo per festeggiare questo anniversario segnando un punto fermo nella discografia per poi ripartire ancor più carichi. I gruppi coverizzati fanno parte del background dei Necrodeath, dai più estremi Slayer,Sodom,Kreator e Bathory ai più classics come Black Sabbath,Motorhead,Venom e Diamond Head. In queste nuove versioni comunque fedeli alle originali è evidente il marchio di fabbrica dei nostri, dalle vocals di Flegias alle svisate di Pier ed in particolar modo le rullate di Peso che conferiscono a tutti i brani maggior potenza ed aggressività. Notevole la schiera degli ospiti,oltre ad ex membri del gruppo ci sono Andy Panigada ed A.C.Wild dei Bulldozer ed inoltre troviamo una nuova versione di Mater Tenebrarum in apertura,suonata dalla band odierna e posta al confronto con la versione del 1985,posta in chiusura,meno potente della nuova,ma sicuramente più malsana!!! Insomma se siete fans del gruppo avete buoni motivi per acquistare questo disco con la speranza che dal relativo tour celebrativo se ne possa trarre finalmente una testimonianza filmata.

Voto: 7/10

Salvatore Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento