Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

giovedì 11 marzo 2010

IMMOLATION - Majesty And Decay


Gli Immolation non hanno certo bisogno di presentazioni. Provenienti dagli Stati Uniti d'America ed attivi ormai dal 1986, questo nuovissimo lavoro "Majesty And Decay", edito per l'etichetta teutonica Nuclear Blast Records, rappresenta l'ottavo album del proprio percorso artistico, un prodotto che gli consente di tornare sul mercato discografico a distanza di tre anni dal precedente "Shadows In The Light". Protremmo scrivere una moltitudine di righe a proposito di "Majesty And Dacay", come anche limitarci ad esprimerci in poche parole, diciamo che scegliamo una via di mezzo. Musicalmente siamo nel campo del death metal di stampo americano e nel complesso, la band statunitense non si scosta di un millimetro da questo concetto. Il marchio di fabbrica degli Immolation è rimasto immutato e ci troviamo di fronte ad un disco potente e maturo, brutale ed aggressivo, ma anche molto tecnico e ben modulato. Nel senso che troviamo tutti gli ingredienti migliori del settore, ma senza una naturale evoluzione, come se l'intenzione primordiale di Ross Dolan e compagni sin dal momento della stesura di questo disco, era quella di restare coerenti sino in fondo. Per farla breve, "Majesty And Decay" è davvero un gran bel disco, ma non è un lavoro spiazzante, sai cosa trovarci dentro sin dall'inizio e questo può essere anche un'arma a doppio taglio, un po' come accade per i dischi dei Manowar, che alla fine o li ami o li odi. La coerenza quindi, è la parola sulla quale gira attorno questo "Majesty And Decay", un disco che gode di una buonissima produzione, capace di donare ai singoli brani quel suono tagliente e penetrante in un certo senso necessario quando ascolti un disco di death metal. Tecnicamente poi, non ci sono parole per descrivere l'ottimo lavoro del gruppo, spesso frenetico nell'esecuzione, ma sempre incisivo ed essenziale, soprattutto se parliamo delle chitarre del duo Vigna-Taylor, assolutamente da pelle d'oca. Ottimi i brani che compongono il disco, compatti e potenti, infarciti delle giusta energia. Se amate questo genere quindi, troverete pane per i vostri denti, se cercate invece qualcosa di stupefacente invece, non è certo questo il disco che soddisferà la vostra voglia. Gli Immolation come anticipato prima, o si amano o si odiano e noi abbiamo deciso di amarli.

Voto: 7,5/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento