Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

martedì 23 febbraio 2010

SUNRISE - Trust Your Soul


I Sunrise vengono dall'Ucraina e sono nati nel 2003. Questo nuovo "Trust Your Soul", edito per la nostrana Heart Of Steel Records, è il loro secondo lavoro in studio e giunge sul mercato discografico a due anni di distanza dal disco d'esordio "Liberty", intervallato dal singolo "Dreamer Online" dato alle stampe nel 2009. Musicalmente siamo nel campo del power/speed metal di matrice melodica, dove la band ucraina mostra una fortissima dedizione nei confronti dei mostri sacri del settore, in particolare degli Stratovarius, tanto che possono tranquillamente candidarsi come i degni eredi della band scandinava. Non diciamo infatti un'eresia se paragoniamo questo pregevole "Trust Your Soul", ai migliori lavori degli Straovarius, ovvero "Episode", Infinite" e soprattutto "Visions". Proprio "Visions" è forse l'album che più si avvicina come stile e musicalità alla musica dei Sunrise, che somiglianze a parte, mostrano davvero una fortissima personalità strumenti alla mano, oltre che ad una sensazionale preparazione tecnica, specialmente se ci andiamo a soffermare sul meraviglioso lavoro delle chitarre di Vitaliy Petrychenko e Alexandr Rudnev. Un ruolo determinante poi, lo gioca la produzione del disco, che si dimostra completamente all'altezza della situazione, tanto da donare a "Trust Your Soul" quel giusto suono moderno ed attuale capace di trasmettere alla musica dei Sunrise un'ulteriore dose di qualità. Tra momenti veloci e melodie sopraffine, è impossibile non restare ammaliati dalla musica dei Sunrise, che anche se nel complesso non scoprono nulla di nuovo, dimostrano di essere in possesso di un'identità precisa e quindi sapere quali sono le proprie potenzialità e quali sono i propri obiettivi. Ci sono quindi poche altre parole d'aggiungere. Se amate fino alla follia questo settore del metal, buttatevi senza indugio su questo disco, perché resterà nel nostro lettore per molto, molto tempo.

Voto: 8/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento