Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 23 dicembre 2009

LE ORME - Live Orme 1975 - 1977


Ci voleva la tenacia di Black Widow per avere finalmente la possibilità di mettere le mani su questo disco, ormai diventato una chimera per i fans del gruppo. Nel periodo indicato nel titolo del live un tecnico a seguito del gruppo (tale Ronald Thorpe) registrò vari concerti e poi vendette i nastri a qualcuno del circuito discografico giapponese, da sempre interessato al progressive di casa nostra. Fu così che ad insaputa del gruppo il live venne pubblicato in tiratura limitatissima dalla label giapponese King Records e quindi ci son voluti anni di ricerche nei meandri del Sol Levante per ottenerene le liberatorie. Rispetto all’edizione originale inoltre, la label genovese rende questa edizione veramente appetibile perché colma l’intero spazio dei due cd (tre invece i dischi nell’edizione in vinile) aggiungendo delle bonus tracks, non presenti nell’edizione originale per motivi di spazio, senza dubbio fondamentali: Sera, Los Angeles, Laurel Canyon, Amico Di Ieri ed una versione completa de La Porta Chiusa. Sebbene l’audio non sia perfetto, sembra infatti si tratti di un bootleg comunque ben registrato, quella che possiamo udire è la testimonianza nuda e cruda della potenza che il gruppo sprigionava in quegli anni. Michi dei Rossi alla batteria è un terremoto (e secondo me era ed è una spanna sopra molti e più acclamati colleghi stranieri), Aldo Tagliapietra carismatico con la sua voce e granitico con il suo basso, Toni Pagliuca immenso tastierista proveniente da un altro pianeta (scegliete voi se Felona o Sorona) e poi, dulcis in fundo, abbiamo la possibilità di udire l’immenso talento del chitarrista Germano Serafin, da poco unitosi al gruppo, che se la morte non se lo fosse portato nel 1992, sarebbe diventato sicuramente uno dei migliori axe-man italiani alla stregua di un Solieri, di un Mussida,di un Battaglia. Un unico rimpianto: questo disco vede la luce in un momento critico della band, infatti Tagliapietra con non poca acredine, come si legge dai comunicati stampa, ha lasciato il gruppo; speriamo con tutto il cuore ci ripensi. Per quanto riguarda questo disco fatelo subito vostro…senza sé e senza mà !!!

Voto: 10/10 (non poteva essere altrimenti)

Salvatore Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento