Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

giovedì 1 ottobre 2009

F.K.U. - Where Moshers Dwell


Gran bel disco per gli F.K.U., una band dedita al più puro e tradizionale heavy metal, se pur con toni esasperati, ma che comunque rendono onore alla scena con grande effetto. Pezzi compatti e granitici, ma anche dinamici ed iper veloci, corredati da eccellenti assoli di chitarra, tecnici e taglienti ed una sezione ritmica martellante, capace di picchiare duro senza sosta. Ben presenti i maestri del settore come palpabili influenze nella musica degli F.K.U. sullo stile degli Iron Maiden, dei Manowar, dei Saxon e dei Judas Priest, ma è palpabile anche la fortissima influenza dei Mercyful Fate e del miglior King Diamond solista. Ma questo "Where Moshers Dwell" non è solo un disco per nostalgici, perché il raggio d'azione degli F.K.W. risulta comunque pittosto ampio, vista la forte influenza proveniente da band come i Blind Guardian, i Primal Fear, i Sinner, i Grave Digger ed i Running Wild, ma anche da gruppi dal sound più solido e granitico come gli Iced Earth o a formazioni più brutali ed aggressive, con i doverosi limiti per il settore, sullo stile dei Jag Panzer. La produzione è buona, il disco scorre fluido e si lascia apprezzare dalla prima all'ultima nota, il che giustifica l'eventuale acquisto dell'album. Non aspettatevi quindi momenti spiazzanti, ma solo pezzi energici, grintosi e carismatici, cosa che va spesso a scapito della melodia, ma che non fa comunque perdere a questo disco la propria efficacia. Se siete dei difensori della vecchia scuola buttatevi a capo fitto su questo disco.

Voto: 6,5/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento