Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

giovedì 22 settembre 2011

ARACHNES - A New Day


Ho sempre adorato gli Arachnes, li ritengo una delle migliori band italiane e forse il destino non è stato con loro giusto, come lo è stato con altre formazioni. Il motivo principale è perché sono musicisti di talento ed i loro dischi sono stati sempre di grande valore, poi apprezzo molto il loro leader Franco "Frank" Caruso, membro anche dei fenomenali Strings 24, che ritengo una dei migliori chitarristi nostrani. Ad ogni modo è un piacere risentirli, perché a distanza di tanti anni, se ne sentiva davvero la mancanza. Il gruppo è nato sul finire degli anni ottanta e questo A New Day, edito per la Lion Music, è il loro sesto lavoro in studio che giunge a distanza di ben cinque anni da quel capolavoro intitolato In Praise of Science. Il disco, lo diaciamo suito, è l'ennesima forza della natura partorita dalla mente degli Arachnes. Il loro stile è rimasto immutato e loro sono notevolmente migliorati, sia come musicisti, che come compositori. Anche la band stessa come gruppo, come sinergia, come affinità tra i componenti, si dimostra davvero a proprio agio e questo fa risultare A New Day un disco fresco e dinamico. Siamo nel campo del power/progressive metal di matrice melodica, ma quello che piace degli Arachnes è che mostrano una personalità fortissima perseguendo un'identità precisa. In loro possiamo trovare tracce degli Stratovarius, come dei Dream Theater e dei Symphony X, ma anche di un progressive più datato, in questo riscontriamo una pregevole cura nel suono delle tastiere. Il disco è davvero molto bello, si ascolta tutto di un sorso e mischia con equilibrio la potenza alla melodia, come anche alla tecnica, sempre sublime e direi anche deteminante. I brani sono versatili, hanno un pregevole impatto e risultano di presa immediata nonostante una netta complessità di fondo. Ottima la produzione, curata in ogni particolare, con un suono moderno ed appropriato. Auguro a questa band grande successo, perché sono davvero molto bravi.

Voto: 9/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento