Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

domenica 7 agosto 2011

NECROVOROUS – Funeral for the Sane


I deathers Necrovorous sono greci e grazie alla Puverised Records danno alle stampe il loro primo full lenght. “Funeral for the Sane” è sostanzialmente un rosario di riff che pur suonando già noti e legati alla tradizione “d’annata” del death metal, risultano di sicura presa ed efficacia verso l’ascoltatore. Le chitarre frementi e la voce cavernosa e brutale, sono distese in dieci pezzi che non offrono mai un attimo di pace a chi ascolta. I Necrovorous sono spietati, “senza compromessi” verrebbe da pensare, e inclini alla sincerità dei propri modelli musicali, i quali spaziano dai Death, agli Obituary, gli Asphyx, i Septic Flesh ecc. ecc. Sono una band con un piglio sicuramente derivativo, ma non per questo banale. La tensione emotiva del riffing è sfiancante, mentre il drumming è un vortice gorgogliante di blast-beat espresso all’ennesima potenza. Brani come “The Vilest of All Dreams”, “Succubus Dormitory”, “Dwellers of My Flesh” oltre ad avere il loro innegabile impatto fissano punti a favore grazie anche ad una produzione capace di rendere quel tono old-style, ma senza seppellire “Funeral for the Sane” sotto una coltre di scontata ruvidità. Anzi, l’impressione è che sotto quella scorza di metallo grezzo ci sia una logica nell’imbastire un sound comunque di qualità. I Necrovourous sono sicuramente convinti nell’esporre questa galleria di riff laceranti e deviati e il fatto di giungere dal nulla passando attraverso tutta una serie di release minori e di carattere underground attira verso di loro le dovute simpatie. Magari gli si perdonerà la riproposizione di schemi e idee già note, anche se offerte e suonate con tutta la convinzione possibile. Insomma, sono asserviti ai loro idoli ma non per questo succubi!

Voto: 6,5/10

Halb9000

Nessun commento:

Posta un commento