Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

venerdì 17 giugno 2011

DRACONIAN - A Rose For The Apocalypse


I Draconian direi che ormai sono una certezza autenica nell'ambito del metal gotico di fama mondiale. La band svedese è attiva dal 1994 ed all'attivo, contando anche questa ultima opera magnifica, edita dalla Napalm Records, vanta la bellezza di quattro album in studio, partendo dall'esordio datato 2003 "Where Lovers Mourn", fino ad arrivare a "Turning Season Within" uscito circa tre anni fa. La bellezza e direi anche la particolarità di questo gruppo, è dal mio sincero punto di vista quella di essersi evoluta come band nel tempo con grande coerenza e soprattutto consapevolezza nei propri mezzi. Questo infatti è un disco maturo, che rispetta al massimo i canoni del settore, con uno stile molto Paradise Lost dei tempi migliori, arriccito però molto da quella che è la spiccata e forte personalità del gruppo scandinavo, che dona quel giusto tocco identificativo con una voce femminile molto seducente ed elegante. Direte voi che un folto numero di band hanno la doppia voce ed è verissimo, però onestamente nella modulazione e nell'equilibrio, direi che i Draconian in questo caso hanno una marcia in più. A prescindere da questo aspetto, mi piace dei Draconian il fatto che rispetto a tante altre band del settore non si sono mai venduti al mercato, come invece hanno fatto tante altre band più blasonate. Passando al disco ad ogni modo, è davveo molto bello, non è mai monotono e scontato, ne mai pesante in alcuni momenti, è invece nobile, ha molti tratti ipnoizzanti ed è ammaliante perché è spontaneo, ma soprattutto intenso, ispirato e passionate. I brani sono versatili, la loro presa complessiva è semplice e direi che nel complesso può anche bastare. Tecnicamente è un lavoro molto valido, anche se non è questo l'aspetto che più balza agli occhi, ma un gusto molto equlibrato delle melodie. Eccellente la produzione, ogni particolare è appropriato e mai lasciato al caso. Gran bel disco, da avere a prescindere dai vostri gusti musicali.

Voto: 8,5/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento