Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 29 giugno 2011

AURVANDIL - Yearning


Davvero "atmosferico" questo prodotto della band francese gothic-black metal anche con un pizzico di tendenze folk. Quest'atmosfera la si avverte già dall'intro Yearning, il preludio che tra l'altro dà il nome all'album composto da nove brani. Il prodotto, nel complesso può rivelarsi discreto e il lavoro del batterista Wiedergänger e compagni sul sound appare molto accurato. Forse l'unica nota dolente dell'album è che potrebbe sembrare un pò monotono nei riffs che si susseguono ed a mio parere, infatti, le varie parti dei brani, avrebbero dovuto essere magari più brevi e perchè no, avrebbero dovuto presentare qualche variazione in più. Molto belle e significative ed in tema con il genere, le parti di chitarra acustica, che si alternano con i riffs distorti nei vari brani e che vanno a comporre interamente il preludio, l'interludio ed il finale. La lieve voce, che rappresenta una sorta di via di mezzo tra il growl e lo screm e che l'ascoltatore avverte quasi in sordina, tende ad arricchire sempre di più l'atmosfera di questo prodotto realizzato nell'estate del 2010. In conclusione, anche la copertina è davvero molto suggestiva e rilascia un impronta molto oscura.

Voto: 7/10

Antonio Potì

Nessun commento:

Posta un commento