Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

lunedì 27 giugno 2011

AIRRACE - Back To The Start


In molti identificheranno negli Airrace uno dei vari progetti dove ha presenziao Jason Bonham, figlio del noto John dei Led Zeppellin, ma ormai sia il gruppo, che l'artista appena enunciato, hanno intrapreso un proprio percorso differente dopo essersi separati tanto tempo fa. Oggi gli Airrace ritornano con questo bellissimo "Black To The Start" e ci portano una ventata di freschezza, con musica frizzante, dinamica ed affascinante, con la melodia sempre al centro di ogni cosa, corredata costantemente dalla giusta dose di grinta e carisma. Da un punto di vista strettamente musicale non si può assolutamente sbagliare. Gli Airrace suonano un hard rock di stampo melodico con un sound tipicamente americano ispirato come facilmente intuibile ai mitici anni ottanta, ma riportato ovviamente ai giorni nostri. Nel complesso nella musica di questa band dal notevole spessore artistico, si possono trovare tracce di Journey, come di Foreigner e Survivivor, la ricetta è sempre la stessa, ma quello che piace di questo gruppo è la forte personalità che persegue sempre un'identità precisa, che non sfocia mai verso altri lidi. I brani sono versatili e dinamici, sono sempre corredati da musicalità e melodie attraenti, così è impossibile non rimanere ammaliati ed ipnotizzati da canzoni composte in manira davvero impeccabile. Anche da un punto di vista tecnico ci troviamo di fronte ad un lavoro di notevole livello, soprattutto il lavoro delle chitarre di Laurie Mansworth, coadiuvato da Dean Howard è davvero stupefacente, anche spiazzante per certi versi per la grande sintonia tra i due musicisti. Eccellenti le tastiere e la sezione ritmica, ma un grosso plauso lo merita il cantante Keith Murrrell, davvero molto bravo e sempre a proprio agio tra alti e bassi. Ottima la produzione, curata in modo impeccabile, quasi maniacale. Disco di grande spessore, altamente cosigliato ai fruitori di queste sonorità.

Voto: 8/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento