Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 4 maggio 2011

FORGOTTEN TEARS - Words To Ends


Gruppo giovane, interessante e di notevole qualità quello dei Forgottent Tears, band proveniente dalla Lombardia, per la precisione dalla città di Milano ed attiva ormai sulle scene da circa otto anni. Questo più che pregevole "Words To Ends", è il loro primo lavoro in studio, che giunge sul mercato dfiscografico per merito dell'etichetta Toreact Records, a distanza di tre anni dal demo "Still Nothing Inside". Da un punto di vista strettamente musicale, i Forgotten Tears assestano le proprie radici musicali nel death metal di matrice melodica, con un occhio di riguardo alla scena scandinava, arricchendo la propria proposta con una moltitudine di componenti metalcore. Potremmo stare qui a scrivere una moltitudine di nomi di band che possono essere state di influenza per questa band, ma quello che colpisce maggiormente dei Forgotten Tears, è il fatto che questi giovani ragazzi sono in possesso di una personalità fortissima oltre che di una identità molto, ma molto precisa. Il disco contiene dei brani confezionati con i sacri crismi, hanno un impatto fortissimo e sono anche in possesso di una presa facile, nel senso che sin dal primo ascolto ti entrano in mente e non ti lasciano più. Il gruppo si destreggia con grande aggressività e voglia di trasportare in musica tutta la propria rabbia, ne viene quindi fuori un album grintoso e carismatico come ce ne sono davvero pochi in giro. Da un punto di vista tecnico il gruppo si fa ben rispettare, soprattutto il suono delle chitarre è ben modulato, ma anche la sezione ritmica picchia duro senza fermarsi mai. I Forgotten Tears non scoprono certamente nulla di nuovo, ma quello che fanno, lo fanno pittosto bene e questo può certamente bastare visto che sono al disco d'esordio. Ottima la produzione, il suono del disco è molto moderno ed attuale e giova molto alla musica del combo lombardo. Gran bel disco, complimenti Forgotten Tears.

Voto: 7,5/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento