Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

sabato 16 ottobre 2010

KALEDON - Legend of the Forgotten Reign - Chapter VI: The Last Night on the Battlefield


Concepire la propria musica come un'opera teatrale, come un film suddiviso in diverse parti, oppure come una serie di libri uniti da un'unica storia è possibile. Lo hanno insegnato a tutti i nostrani Kaledon, che a partire dal loro "Legend of the Forgotten Reign - Chapter I: The Destruction" datato 2002, hanno dato vita sempre a dischi maturi dai notevoli contenuti artistici. Oggi ecco arrivare il sesto capitolo, questo immenso "The Last Night on the Battlefield" che giunge a distanza di due anni dall'egregio "A New Era Begins". Musicalmente la critica ha inserito i Kaledon nel filone del power metal e come etichetta potrebbe anche essere corretta, ma è comunque da considerare limitativa per un gruppo dalle vedute molto ampie. Si, perché non c'è solo power metal nella loro musica, ma anche del buon hard rock ed in alcuni momenti anche del pregevole rock progressivo e questo rende "The Last Night on the Battlefield" come un'opera maestosa, che giova anche di quel giusto tocco epico che non guasta mai. Questo disco, lo diciamo senza alcun indugio, è un'autentica opera d'arte, un album maestoso che non contiene solo della buona musica, ma anche contenuti culturali di grande spessore. Ascoltando "The Last Night on the Battlefield" sembra di vivere in un film e questo è un merito per i Kaledon, che mettono in luce la qualità di saper trascinare l'ascoltatore, coinvolgendolo e trascinandolo. Tecnicamente ci troviamo di fronte ad un insieme di canzoni di grandissimo livello, perché l'abilità compositiva dei Kaledon è davvero molto elevata, come è elevata la preparazione tecnica di ogni singolo componente di questa band. Mensione d'obbligo, per la buona prova di Alex Mele alla chitarra solista, che dona al disco un tocco d'arte. Ma è tutta la band a distinguersi, come una squadra dal grande affiatamento ed anche questa è una carta a favore della musica del Kaledon. Siamo di fronte ad un lavoro ispirato, che contiene anche dei momenti poetici, come nel caso della bellissima "Coming Back To Our Land". Ottima anche la produzione, che consente a "The Last Night on the Battlefield" di godere di un suono molto attuale. Qualche anno fa vidi i Kaledon dal vivo sul palco dell'Agglutination Metal Festival, pensai subito che questa band aveva del talento. A distanza di qualche tempo, "The Last Night on the Battlefield" non ha fatto altro che confermare questa mia impressione. Complimenti Kaledon, il futuro è vostro.

Voto: 8,5/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento