Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

lunedì 4 gennaio 2010

EVERYTHING BURNS - La Dimora del Fuoco


Intervista agli Everything Burns, ci risponde il cantante della band Tim Kellow:

Come descriveresti in termini musicali il nuovo album? Vuoi introdurlo?

-Mi piacerebbe dire che il nostro stile è basato prevalentemente sul metal, con una melodia supportati da riff molto buoni ed energici. Per me si tratta solo del giusto mix tra musica heavy e melodia, per cui speriamo che piacerà a tutti!

Quanto tempo è stato necessario per registrarlo?

-Ci sono voluti tre settimane presso i "The Lodge" in quel di Clacton, è stato divertente, anche perché dovuto al fatto che per noi era il nostro debutto!

Quale è l'origine di una vostra canzone? Come create una canzone?

-Noi scriviamo in un sacco di modi diversi, ma la strada principale parte da Chinn (chitarre) e Jez (Drums) che scrivono un piano di base assieme a Vince (chitarra e voce), Phil (Bass) riordina il tutto con me, poi in base alla musica e scrivo i miei testi. Semplice!

Quali sono i temi trattati nel tuo nuovo album?

-La maggior parte dei testi affrontano il tema della guerra, sia che si tratti di una guerra con se stessi o con altri, e gli effetti negativi che essa ha su noi stessi e sul mondo. Il personaggio principale del testo lotta per ciò che vuol fare e per ciò che sente. Così come anche la guerra fisica, dove ognuno lotta contro i propri demoni!

Quale è il pezzo del nuovo album al quale ti senti più affezionato?

-"I Still Remember", perché è una specie di visione dell'insieme dei testi dell'album e trae conclusioni sulla maggior parte dei temi affrontati ed è un buon pezzo. In più io amo il suono del pianoforte, per questo ritengo che sia il miglio pezzo dell'album.

Quali sono le band che hanno influenzato il vostro sound maggiormente?

-Per me personalmente le band che mi hanno influenzato sono state Boy Sets Fire, Thrice, Killswitch Engage, Finch, Incubus, Hoobastank e un sacco di band pop punk. Per gli altri ragazzi sono stati gruppi come Megadeth, Dream Theatre, Metallica, Iron Maiden, Breaking Benjiman, Creed e molti altri.

Cosa vi aspettate dal nuovo album?

-Non mi aspetto niente, mi auguro che l'album ci aiuterà a costruire la nostra base di fan e di aiutarci a progredire nel settore, in modo che possiamo iniziare a farci un nome per noi stessi. Più evremo fan con il disco, più sarò felice.

Cosa ne pensi della music business? Come lo giudichi?

-L'industria della musica è come un uomo testardo, devi spingere, spingere e spingere per ottenere qualcosa. Quindi ci vuole tempo e pazienza per incidere e per fortuna abbiamo molto di ambo le cose.

Quali sono le principali difficoltà per una band come la vostra?

-Andare in tour, davvero, cerchiamo di fare tour per quanto possibile, ma dobbiamo fare abbastanza soldi per sostenere noi stessi e questo può essere un problema.

C'è qualche musicista con il quale desideri collaborare un giorno?

-Mi sarebbe piaciuto fare qualcosa con Michael Jackson, ma purtroppo non ci sarà questa possibilità, è stato un artista leggendario.

Quali sono i programmi futuri per la band? Come volete promuovere il vostro nuovo album?

-Abbiamo in programma per ora di uscire col disco e da lì dimostrare a tutti quello che sappiamo fare dal vivo. Abbiamo in programma di andare in tour per tutto il prossimo anno, suonare ai festival e speriamo ottenere dei buoni consensi.

Sarà pubblicato un live CD o un DVD?

-Ci piacerebbe farlo ad un certo punto della nostra carriera, perché sappiamo di valere molto dal vivo e cercheremo di metterlo in mostra, in modo da mettere il tutto su un DVD o su un CD dal vivo, sarebbe molto attraente per noi.

Vuoi lasciare un messaggio ai nostri lettori?

-Vi prego di seguirci sul nostro sito www.myspace.com/everythingburnsband e se vi piacerà ciò che sentirete, acquistate il nostro album di debutto "Home"!

Intervista a cura di Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento