Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 21 settembre 2011

NEIL DANIELS - La Storia Dei Judas Priest (Defenders Of The Faith)


Ormai alla Tsunami non sfugge più nulla, soprattutto se si tratta di un testo già diventato un classico al di fuori dei nostri confini o se il soggetto trattato ricopre un ruolo fondamentale nell’affollato panorama del nostro beneamato metal. Nel caso di cui stiamo per parlare valgono entrambe le cose: questo è il primo libro di Neil Daniels che viene tradotto in italiano (ad opera dell‘ottima Stefania Renzetti, che i più attenti lettori ricorderanno sulle pagine del mitico e mai troppo rimpianto Flash) ed ha già avuto un consistente successo oltremanica ed oltreoceano. Il soggetto ? Judas Priest !!! Servono altre parole ? Anche i più giovani tra voi, anche coloro che seguono le correnti più alternative sanno di chi stiamo parlando. Seppur una spanna sotto i conterranei Iron Maiden (vuoi per un esistenza più travagliata, vuoi per una gestione manageriale non paragonabile a quella del gruppo di Steve Harris, vuoi perché i Maiden sono i Maiden…) non si può negare la consistenza della loro produzione artistica, nonché l’enorme influenza esercitata su tutto lo scenario metallico (i più blasonati artisti li annoverano tra i loro ascolti principali). Tutt’ora in piena attività, nonostante i continui rumors di scioglimento, i Judas Priest hanno un posto ben preciso nelle discografie della maggior parte di noi. Neil Daniels, giornalista e scrittore britannico specializzato nel settore heavy e autore di svariati libri ed articoli per le più famose riviste di settore, ha consultato in modo certosino un’infinità di materiale d’archivio, dalla nascita della band ad oggi. Ha cercato di contattare ed intervistare, a volte con successo (ex componenti più altri soggetti facenti parte dell‘entourage), a volte no (gli attuali membri della band stessa) chiunque potesse portare una testimonianza diretta dei vari accadimenti. Ha ottenuto le autorevoli parole di gente come Jeff Waters (Annihilator) e Jon Oliva (Savatage) che in tour ha conosciuto il gruppo da molto vicino. Di sicuro interesse per tutti noi, un altro “centro” targato Tsunami.

Voto: 9/10

Salvatore Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento