Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

lunedì 11 luglio 2011

PHARAOH - Ten Years


I Pharaoh vengono dagli Stati uniti d'America, per la precisione da Philadelphia in Pennsylvania. Il gruppo è attivo dal 1997 e contando questo ultimo e pregevole "Ten Years", edito dalla Cruz Dal Sur Records, giunge a quota quattro come album prodotti in studio. La band torna sul mercato discografico dopo tre anni, la precedente fatica discograica è stata infatti "Be Gone", album partorito nel 2008 che mostro in modo evidente e direi anche marcato la buona crescita di un gruppo che con quel disco ha raggiunto la maturità stilistica e musicale definitiva, anche se dl mio onesto punto di vista, non ha riscosso il reale successo che avrebbe certamente meritato. Da un punto di vist strettamente musicale, la band di Philadelphia suona un heavy/power metal molto tecnico, da un certo punto d vista fortemente influenzato dalla scuola statunitense e capace di fondere in modo eccellente e concreto la tecnica dei Vicious Rumors, con la potenza degli Iced Earth, senza mai dimenticare però anche la scula britannica, in aluni momenti infatti si odono momenti dei migliori Iron Maiden. Personalmente, trovo inoltre moltissimi punti in comune cn i Control Denied, un progetto come noto rimasto unico, ma che vide all'epoca coinvolto il cantante degli stessi Pharaoh Tim Aymar, che anche in questo disco conferma le sue sensazionali doti canore. "Ten Years" è un disco dall'impatto molto forte, come è quello di ogni singolo brano, anche se la prese non è semplice, pur dimostrandosi incisiva e diretta. L'aspetto tecnico è di buon livello, ma in un disco come questo se pur essenziale, passa in secondo piano, perché i Pharaoh puntano puù sulla pontenza e su un sound ruvido e robusto che sul resto. La produzione è discreta, ma non perfetta, con qualche accorgimento il disco sarebbe sato impeccabile. Disco nel complesso di buon livello, che piacerà ai fruitori di questo genere senza alcun problema.

Voto: 7/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento