Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

martedì 5 luglio 2011

DISARMONIA MUNDI - Mind Tricks (Extended Version)


Coroner Records riedita una "Extended Version" di "Mind Tricks", il terzo album dei Disarmonia Mundi. Il package, in digipack e con nuovo artwork, racchiude 15 pezzi, quindi rispetto all’album originale troviamo l’inedita "Ringside Seat To Human Tragedy" con la partecipazione di Christian Älvestam (Solution.45, ex-Scar Symmetry), “Celestial Furnace” in versione acustica, il remix di “Nihilistic Overdrive” e “Moon Glass”. “Mind Tricks” uscì nel 2006 su Scarlet Records. All’epoca il master mind dei Disarmonia lavorò con le voci di Claudio Ravinale e Björn "Speed" Strid (Soilwork). “Mind Tricks” è un lavoro dinamico, limato con cura e che propone interessanti arrangiamenti, anche se poi alla lunga risulta uno specchio della scuola svedese. Questo vuol dire riff a metà tra il melodic death metal e il thrash in chiave moderna. I Disarmonia Mundi suonano bene, poi però mettere a segno le canzoni d’impatto riesce meno scorrevole. “Liquid Wings” ha un incipit maideniano, ma e “Taste of Collapse” ad essere la più heavy classic di tutte. Variopinta nel riffing è “Venom Leech And The Hands Of Rain”, mentre l’opener “Resurrection Code” è una sorta di riassunto di quanto si ascolterà di seguito. Chiude, l’edizione originale, “Mouth For War” dei Pantera. L’acustica “Celestial Furnace” è un pezzo avulso dal metal, sembra quasi la demo version di un pezzo, mentre la versione remix di “Nihilistic Overdrive” è davvero fantasiosa e ben riuscita. Nel 2006 l’idea di portare dietro al microfono Strid insieme a Ravinale fu davvero ottima, infatti l’album ha un sound attuale: è un lavoro dei nostri tempi. La formula venne poi trasferita nell’album successivo, “The Isolation Game”, un lavoro che ai più apparve come un passetto avanti rispetto a “Mind Tricks” e con qualche cenno evolutivo. Rieditare “Mind Tricks” è però un’operazione importante perché significa evidenziare ancora una volta questa band italiana che suona alla svedese, ma davvero bene.

Voto: 7/10

Halb9000

Nessun commento:

Posta un commento