Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

venerdì 17 dicembre 2010

IL TEMPIO DELLE CLESSIDRE - Il Tempio Delle Clessidre


Un nome evocativo, magico, fatato come la musica proposta in questo omonimo debutto che aggiunge un altro tassello nel magnifico puzzle che è il movimento prog italiano. Parliamo di questa nuova band genovese che ha già ottenuto ottimi responsi dal vivo e che rinverdisce la tradizione nazionale, omaggiando il passato ma comunque rielaborandolo con un occhio al futuro… Un melting pot possibile grazie alla prestigiosa presenza di Stefano ‘Lupo’ Galifi degli storici Museo Rosenbach,che colora con le sue splendide vocals la musica di sfumature vintage seventies-era,rinfrescate dal resto del gruppo composto da giovani e talentuosi musicisti,tra cui spicca la tastierista Elisa Montaldo. Quelli che ci propongono sono brani intensi e dinamici,che non si perdono in suites lunghe e noiose ma sono caratterizzati da una durata media e sterzano verso il rock sinfonico,privilegiando le migliori aperture ariose di gruppi come Genesis e Yes montate su strutture ritmiche tipiche di gruppi come Le Orme. Liriche sognanti incentrate sull’uomo,i suoi pensieri,le sue ansie,le sue paure ma anche le sue speranze ben si adattano al contesto e danno un senso all’immaginifica copertina che correda il package del cd. Non possiamo mancare di sottolineare che la band genovese ha trovato naturale collocazione nel rooster della conterranea Black Widow,come sempre sinonimo di qualità.

Voto: 8/10

Salvatore Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento