Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

martedì 13 aprile 2010

UNLEASHED - As Yggdrasil Trembles


Ancora un grande disco per gli Unleashed. La formazione svedese, attiva ormai dal 1989, giunge con questo nuovo "As Yggdrasil Trembles", edito per la mastodontica Nuclear Blast, alla pubblicazione del proprio decimo album in studio, facendo ritorno sul mercato discografico a due anni di distanza dal precedente ottimo disco "Hammer Battalion". Musicalmente non ci sono dubbi attorno a quello che è lo stile degli Unleashed, che suonano un sano e puro death metal, ma questo volta, a differenza del passato, la band svedese osa di più, si spinge verso un livello nettamente più elevato. Da un punto di vista prettamente tecnico, "As Yggdrasil Trembles" è un album nettamente diverso rispetto ai propri predecessione, perché è meno ruvido, ma molto più valido. Il suono delle chitarre è molto tagliente, gli assoli sono diventati più pungenti ed incisivi, ma soprattutto sono più penetranti. Anche la sezione ritmica è ben modulata, c'è come sempre il solito massacro, che conferma l'aggressività di fondo presente nel sound degli Unleashed, ma anche in questo caso tutto è perfetto e nulla è lasciata al caso. Siamo di fronte ad un disco eccellente, ben suonato e capace di rimarcare le buone doti compositive di un gruppo che ha fatto un netto balzo in avante e che senza alcuna ombra di dubbio, ha composto il disco migliore della propria carriera. Ottima anche la produzione, che consente a "As Yggdrasil Trembles" di ottenere un suono più limpido ed adeguato al genere, ma anche assolutamante moderno ed all'avanguardia. Gli Unleashed sono molto avanti, anche alle stesse band dello stesso settore e "As Yggdrasil Trembles" lo dimostra matematicamante. Brani compatti, dall'impatto molto forte e dalla portata notevole. Brani da pelle d'oca, capaci di trascinare e trasmettere grande grinta ed uno straordinario carisma. Poche parole, siamo di fronte ad un uno dei dischi migliori del 2010.

Voto: 8/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento