Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

martedì 13 aprile 2010

MATTSON - Un'Altra Dimensione


Intervista al chitarrista finlandese Lars Eric Mattson in occasione della pubblicazione del suo ultimo album "Tango":

Sei appena uscito con il tuo nuovo disco "Tango", quanto tempo è stato necessario per registrarlo?

-Circa un anno, fatta eccezione per l'ultimo brano "Slave To The Road" che è stato registrato nel 2003, fatta eccezione per la voce e la chitarra che sono state aggiunte quest'anno.

Qual è l'origine di una tua canzone? Come componi una canzone?

-Le mie canzoni sembra che nascano da sole, non faccio fatica ad avere delle idee. Ho sempre fatto dei componimenti grezzi, per poi fare un sacco di modifiche, aggiungendo alcune cose e togliendo altra roba fino a quando sento che il brano è perfetto. Alla fine c'è un sacco di duro lavoro per rendere il brano perfetto, ma la cosa che è più dura, sono i piccoli dettagli che alcuni ascoltatori potrebbero non notare comunque (ride n.d.r.).

Quali sono gli argomenti trattati nel tuo nuovo album?

-Diversi elementi della vita, cose che ho visto o vissuto, non è tutto su di me o sulla mia vita, ma può anche essere su persone che conosco o su cose che ho letto. E poi c'è un piccolo pezzo di umorismo anche, la "title-track" non è da prendere sul serio.

Qual è il brano del tuo nuovo album al quale ti senti più affezionato?

-Credo che "The Escape Grand" sia il miglior pezzo musicale che io abbia mai scritto, ritengo sia come una piccola opera rock, contenente un sacco di temi e punti di vista.

Quali sono le band o gli artisti che hanno influenzato il tuo sound di più?

-Questa è una domanda difficile, perché non penso si possa dire che "Tango" suoni come una qualsiasi altra band al mondo e la verità è che io non ascolto più tanta musica di altre persone. E' passato molto tempo da quando ho sentito qualcosa di nuovo che mi ha fatto venire la pelle d'oca, ma la musica che mi ha influenzato fin dall'inizio è qualcosa tipo Deep Purple, Rainbow, Jimi Hendrix, Uli Jon Roth, Steve Vai, Michael Schenker, Beatles e poi, eventualmente, Dream Theater, ma io non ascolto più nessuno di questi artisti. Ho anche ascoltato un sacco di musica classica in passato. Credo che la musica che faccio ora è basata su un mix di influenze che vengono da tutta la mia vita...

Cosa ti aspetti dal nuovo album?

-Nella realizzazione di questo album c'è stato un sacco di duro lavoro e ad essere onesto l'ho fatto per sfidare me stesso e vedere quanto potevo andare lontano. Non mi aspetto un grande successo commerciale, ma se la gente apprezzerà il mio lavoro, vorrà dire io che sarà andando bene (ride n.d.r.), credo di non fare un tipo di musica che si rivolge ad un certo pubblico, quindi non ho idea di chi intende usufruirne (ride n.d.r.).

Cosa ne pensi del mondo del music business? Come lo giudichi?

-E' difficile da rispondere e io non sono molto ottimista per il futuro. Io credo il download renda impossibile per molti gruppi la produzione di grandi album a livello finanziario, invece avremo sempre produzioni di grandi band ormai troppo cotte, ma sono sicuro che sorgeranno nuove possibilità, in futuro, anche se questo potrebbe richiedere un po' anni.

Quali sono le principali difficoltà per un musicista come te?

-Mi piacerebbe fare un tour, ma la mia musica è complessa e avrei bisogno di una grande produzione attorno a me e questo rende tutto costoso. Piuttosto che fare una cosa a basso budget, preferisco restare a casa. Altre difficoltà sono associate al fatto che le riviste scriveno solo cose su artisti vecchi come Ozzy e non sostengono i lavori delle etichette indipendenti e che avere un passaggio in radio è impossibile, a meno che non si pagano tangenti enormi.

C'è qualche musicista con il quale desideri collaborare un giorno?

-Ci sono molti bravi musicisti con i quali mi piacerebbe fare qualcosa, ma con nessuno sogno di lavorare insieme. Ho fatto molte collaborazioni nel corso degli ultimi dieci anni, alcuni sono state grandi, alcune non sono state così buone.

Quali sono i tuoi piani futuri? Come vuoi promuovere il tuo nuovo album?

-Stiamo progettando un video clip in questo momento.

Pubblicherai un live CD o un DVD?

-Ho un sacco di vecchie cose live registrate, ma non sono sicuro che saranno pubblicate (ride n.d.r.). Solo il tempo lo dirà....

Vuoi lasciare un messaggio ai nostri lettori?

-Grazie e che la "Forza" sia con voi

Intervista a cura di Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento