Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

giovedì 25 marzo 2010

VOICES OF DESTINY - From The Ashes


I Voices Of Destiny nascono nel 2004 in Germania e dopo la pubblicazione del demo "Red Winter Snow" circa tre anni fa, fanno il proprio esordio sul mercato discografico con questo nuovo "From The Ashes" per merito dell'etichetta Massacre Records. Da un punto di vista prettamente musicale, i Voices Of Destiny vengono definiti come symphonic heavy metal ed onestamente visti i contenuti non possiamo certamente dargli torto, anche se la presenza di una cantante di sesso femminile, ci porta ad accostare il gruppo teutonico a formazioni più gloriose come i Nightwish degli esordi e questo parallelismo, ci consente di analizzare più a fondo il disco, trovando a sua volta quelle sfumature gotiche e dark, che rendono questo disco molto simile a quelli delle altre band del settore. Questo per dire che non ci troviamo di fronte ad un disco originalissimo, ma ciò non vuole dire che "From The Ashes" sia un prodotto da buttare via. Nel complesso i Voices Of Destiny rispettano tutti i canoni del genere e "From The Ashes" è un album che si ascolta con piacere, grazie a canzoni gradevoli, che scorrono in modo fluido e dinamico, ma che purtroppo a conti fatti lasciano il tempo che trovano. Perché il vero problema di questo disco è il fattore della restistenza nel tempo, proprio per il motivo dell'esistenza di altri album di questo tipo. La produzione è buona, il suono nel complesso e molto moderno ed attuale, ma soprattutto limpido e pulito e quindi capace di esaltare al massimo quella che è la qualità complessiva dei brani composti dal gruppo teutonico. Anche la qualità tecnica dei Voices Of Destiny non è male, ma resta comunque nella norma, perché francamente non c'è da strapparsi i capelli. Quello che balza maggiormente agli occhi, o meglio alle orecchie, sono le pregevoli doti canore della cantante Maike Holzmann, che si destreggia discretamente dietro il microfono. Disco solo per gli amanti del settore.

Voto: 7/10

Maurizio Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento