Ansa News

Si è verificato un errore nel gadget

martedì 30 marzo 2010

THUNDERSTORM - Nero Enigma


Giunta al decimo anno di attività, la band bergamasca ha sempre prodotto lavori di qualità crescente che hanno ogni volta introdotto nuovi tasselli nel mosaico delle visioni musicali del trio, sino a giungere a questo quinto album che ancora una volta ne conferma la regola. Nero Enigma non solo è di per se un bell’album ma sancisce una volta per tutte che i Thunderstorm sono una delle punte di diamante del metal italiano, non solo doom, che nella loro pur perpetua evoluzione sonora hanno creato un marchio di fabbrica che ben li distingue dal resto della massa: la litanica voce così come l’irruenta chitarra di Fabio ‘Thunder’ Bellan ed il muro ritmico che viene eretto progressivamente in crescendo da Omar Roncalli (bass) ed Attilio Coldani (drums). In questo lavoro la band si scosta leggermente dai canoni ortodossi del doom per tessere trame più ‘metal’ oriented ma allo stesso tempo più complicate,momenti molto duri si alternano ad altri si ariosi ma pregni di una malinconia che solo i Thunderstorm sanno dipingere. La bellissima copertina che accompagna l’album ben ne rappresenta il concept che narra le gesta di un killer seriale alle cui vittime, tutte donne, vengono associati uno per ognuna i primi otto pezzi i cui testi,opera minuziosa di Omar,ne descrivono il delitto. Il nono ed ultimo invece contiene un messaggio lasciato dal killer stesso che invita l’ascoltatore,così come preannunciato dalla band in sede d’intervista,a risolvere il caso. I suoni nati nei New Sin,ormai studi d.o.c. qui in Italia, così come la pubblicazione a cura di Dragonheart fanno di questo Nero Enigma un lavoro imperdibile.

Voto: 8,5/10

Salvatore Mazzarella

Nessun commento:

Posta un commento